Basket, l’under 18 del Pyrgi testa la forma contro il Ladispoli

Match andato in atto sull’onda di cinque tempi da dieci minuti, gestiti dai due tecnici nella direzione e con i giocatori che si sono alternati sul rettangolo di gioco alla ricerca di forma fisica e intesa di squadra

Primi passi anche per l’Under18 Gold Pyrgi diretta da coach David Polozzi, che al Palazzetto dello Sport ieri sera ha incontrato l’Under20 del Ladispoli. Match andato in atto sull’onda di cinque tempi da dieci minuti, gestiti dai due tecnici nella direzione e con i giocatori che si sono alternati sul rettangolo di gioco alla ricerca di forma fisica e intesa di squadra. Piacevole con rapidi capovolgimenti di fronte il match, sicuramente un buon banco di prova in vista del campionato di categoria Elite indetto dalla FIP a cui il team di Polozzi parteciperà. Da rodare schemi e tempestività nelle due fasi di gioco per le due formazioni, con il Pyrgi che ben ha retto la forza d’urto dei più grandi giocatori ladispolani, non mostrando la differenza d’età ma quella determinazione che è di buon auspicio. Incontro sempre punto a punto che ha visto avanti il Pyrgi alla fine del quarto tempo di ben sei punti, per poi cedere nel quinto e finire la gara sotto di soli tre. Buone le individualità nel team Pyrgi, dove c’è da segnalare anche la presenza di alcuni 2003 tra la rosa, di gran lunga sotto età per la categoria indetta per i 2001 e 2002. Età degli atleti che ieri aveva generato uno scossone tra le partecipanti ai campionati Silver e Gold dell’Under18, una rivoluzione solo paventata fortunatamente. Una pazzia immettere tre 2000 tra i 2001 e 2002, classi d’età quest’ultime a regime della categoria, e che avrebbe scatenato una forte disparità tra le squadre. Un cambiamento che avrebbe favorito solo le società più “forti”, con un bacino d’utenza più ampio e magari con qualche categoria maggiore dove non tutti trovano spazio. Una cosiddetta pezza c’è l’ha messa in serata la FIP a livello nazionale, abrogando la delibera e riportando tutto alla normalità.

Condividi