“Una serata emozionante, dove il grande Cinema in pellicola è stato il padrone di casa. Una serata di ricordi, di racconti, di testimonianze da parte di attori, registi, di protagonisti. Così come è stato toccante e profondo il momento del ricordo a Giuliano Gemma, attore simbolo del cinema e del western italiano che negli ultimi anni della sua vita aveva scelto proprio Cerveteri come dimora per lui e sua moglie, quest’ultima presente nella serata di ieri del nostro Festival e alla quale abbiamo consegnato un premio in onore di Giuliano. Oggi il Cerveteri Film Festival prosegue con una programmazione altrettanto ricca, dedicata come sempre al Cinema in Pellicola, che si alternerà tra l’Aula Consiliare del Granarone e il Cinema Moderno di Cerveteri”. A dichiararlo è Alessio Pascucci, commentando il primo appuntamento della seconda edizione del Cerveteri Film Festival, ideato dallo stesso Pascucci, con la Direzione Artistica di Boris Sollazzo e il lavoro dell’Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri Federica Battafarano.
“La grande presenza di pubblico di ieri sera, in un giorno infrasettimanale di Novembre, ci testimonia come il prodotto del Cerveteri Film Festival sia di qualità e quanto soprattutto sia forte la voglia di cinema dei nostri concittadini – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – quando lo scorso anno esordimmo con questa rassegna all’interno della Necropoli della Banditaccia era un sogno che si avverava, un sogno che siamo onorati di aver realizzato anche quest’anno”.
Emozione in sala ieri sera durante l’omaggio a Giuliano Gemma, scomparso il 1 ottobre di cinque anni fa. Presente, la sua seconda moglie, la giornalista Baba Recherme, insieme al M° Neno Zamperla, che insieme hanno ripercorso i momenti più belli della carriera di Giuliano, tra aneddoti, storie e racconti del dietro le quinte.
Il Festival del Cinema prosegue anche nella giornata di oggi con un lungo omaggio ad un altro mostro sacro del Cinema italiano: Giuliano Montaldo.
Al Cinema Moderno le proiezioni iniziano alle ore 18.00 con Sacco e Vanzetti, che verrà riproposto in una versione restaurata della Cineteca di Bologna. Alla proiezione interverrà lo stesso Montaldo. Alle 20.30, Guglielmo Poggi, noto per le sue interpretazioni in film di successo quali ‘Viva l’Italia’, ‘Smetto quando voglio’, ‘Beata Ignoranza’ e ‘L’Estate addosso’, sarà insignito del Premio Luca Svizzeretto. A seguire, la proiezione di un altro capolavoro di Montaldo: ‘L’Industriale’.
Nell’Aula Consiliare del Granarone prosegue invece il Concorso Internazionale dei Cortometraggi, con la proiezione di ‘Goodbye Marilyn’, per la regia di Maria Di Razza, ‘Call Me Alvy’, di Alexei Slater e ‘Sweetheart’ di Marco Spagnoli. A seguire, la proiezione di ‘Sacco e Vanzetti’, lungometraggio di Giuliano Montaldo.

Condividi