Ancora una grande successo per “Un Fischio tra le Onde”, organizzato dalla sezione Aia di Civitavecchia, andato in scena giovedì pomeriggio alla sala conferenze dell’Autorità Portuale. Il premio nazionale è stato assegnato all’arbitro della Can A Maurizio Mariani. “E’ un grande onore ricevere questo riconoscimento anche guardando i nomi illustri che se lo sono aggiudicato negli scorsi anni (nell’albo d’oro spiccano Rizzoli, Banti, e Orsato, ndc). La serie A per me era solo un sogno – ha raccontato il direttore di gara di Aprilia rivolgendosi in particolare ai giovani colleghi civitavecchiesi – ma è fondamentale porsi sempre degli obiettivi e mettercela tutta per raggiungerli. L’importante è però divertirsi sempre e portare il sorriso in campo”. Nel corso della manifestazione sono stati inoltre premiati gli arbitri, gli assistenti e gli osservatori che si sono maggiormente distinti nel corso della stagione sportiva appena conclusa. Il premio nazionale interno è andato all’assistente Emilio Gookooluk, il premio “Avallone” ad Emanuele DI Battista, il premio “Cattaneo” ad Emiliano Farascioni, e il premio “Maccari” per il calcio a 5 a Fabio Petroselli. Riconoscimenti anche per i neo arbitri che sono entrati a far parte della grande famiglia dell’Aia civitavecchiese. “E’ stata una stagione soddisfacente – ha sottolineato il presidente della sezione Gian Luca Ventolini -, stiamo lavorando con impegno ed entusiasmo con i nuovi arbitri, ed in particolare con un gruppo di 80 ragazzi che hanno dai 15 ai 21 anni. Il futuro della nostra sezione è roseo e speriamo che questi ragazzi ci rappresentino presto a livello regionale prima, e successivamente al nazionale”. Come sempre hanno partecipato ad “Un Fischio tra le onde” diversi dirigenti del mondo arbitrale nazionale e regionale, a partire dal componente nazionale dell’Aia Umberto Carbonari. Presenti anche il presidente del Cra Lazio Luca Palanca, il componente Cai Nazzareno Ceccarelli, e i rappresentanti della altre sezioni del Lazio. In platea anche l’arbitro della Can B Eugenio Abbattista, l’assistente della Can A Giulio Dobosz e il vicesindaco Daniela Lucernoni.

Condividi