Grasso, Perello e Leopardo in coro critici su assunzioni Csp

Gli attacchi in merito alle novità annunciate dal sindaco Antonio Cozzolino. Pensieri ai lavoratori ex Italcementi ed ex Privilege

Opposizioni all’attacco sulle novità annunciate dal sindaco Antonio Cozzolino di assumere alcune  figure, tramite società interinali, per ciò che riguarda la raccolta differenziata: “La raccolta differenziata, con il porta a porta spinto “ideato” dal M5S, così come è impostata è un altro flop annunciato a spese di tutta la città. A meno di 3 settimane dalla partenza ancora devono essere consegnati la metà dei kit che i cittadini saranno costretti a tenersi in casa o sotto i portoni dei palazzi. Al mercato ancora nessuno sa nulla di cosa e quando avverrà. Il colpo finale lo ha dato Cozzolino, che prima insieme a De Leva ha affermato anche in Commissione Lavoro di fronte agli ex Italcementi (a cui sempre il sindaco fece costituire una cooperativa poi abbandonata a se stessa in primis dal Comune) che in questa prima fase non sarebbe servita alcuna nuova assunzione, ora invece si rivolge senza alcuna evidenza pubblica alle agenzie interinali alla faccia delle 20 persone con cui il Comune aveva preso un impegno formale”, afferma Massimiliano Grasso de “La Svolta”. “Già sei mesi fa la CSP, in qualità di società partecipata del Comune di Civitavecchia e con i servizi affidati in house, annunciava che ci sarebbero state alcune assunzioni di nuovo personale, per favorire l’avvio della raccolta differenziata nel centro città. Ma la scelta sarebbe dovuta essere per bando pubblico. Infatti un comunicato del settembre 2018 riportava : “Invitiamo pertanto gli interessati a non protocollare il curriculum vitae ma a consultare periodicamente il nostro sito internet aziendale www.civitavecchiaservizipubblici.it per verificare l’esistenza di avvisi pubblici di selezione per determinare figure professionali”. Peccato , però, che intanto si stanno assumendo due persone , un autista e un addetto alla raccolta, attraverso tre agenzie interinali, che sono la Intempo e la Umana di Civitavecchia e la Manpower di Viterbo ( letterale da un post Facebook del Sindaco Cozzolino) . Sempre lo stesso post spiega che il ricorso alle agenzie interinali si è reso necessario per motivi di tempo. Il concetto di tempo dell’amministrazione pare almeno discutibile. Dall’annuncio della CSP ad oggi sono passati sei mesi, decisamente sufficienti per approntare un bando pubblico. Visto che la procedura pubblica, prevista dalle legge, non è stata utilizzata la giunta pentastellata avrebbe potuto ricorrere ai lavoratori della cooperativa formata dagli ex dipendenti dell’ Italcementi , che da anni aspettano una qualche risposta di tipo occupazionale. Ormai tutta la città lo ha capito da tempo: i cinquestelle se ne fregano delle regole e provano a fare un po’ di clientela , a pochi mesi dal voto. Inoltre non conoscono nulla di quanto è accaduto in città prima di loro e ignorano le enormi difficoltà dei cittadini senza lavoro . Pensino prima ai lavoratori dell’ Italcementi , magari assegnando loro un punteggio extra nei bandi per le prossime assunzioni , che stando alle voci che girano dalle parti del Pincio, saranno una ventina”, dichiara invece l’ex segretario del Pd Enrico Leopardo. Critico anche il consigliere comunale Daniele Perello: “Bene le assunzioni, sono sempre favorevole da questo punto di vista ma non capisco perchè non pensare agli Ex Privilege e ex Italcementi. Questa mancanza è incomprensibile”.

Condividi