L’assessore D’Antò incontra le scuole di danza: “Quest’estate i saggi si svolgeranno a piazza della Vita invece che all’Arena Pincio”

"Non appena avrò ricevuto il progetto preliminare su come sarà allestita l'area, ne discuterò con le scuole di danza per cogliere da loro eventuali modifiche o suggerimenti sulla disposizione" spiega D'Antò

Cambio in vista di paesaggio per gli spettacoli estivi delle scuole di danza. Ad annunciarlo è l’assessore alla Cultura, Enzo D’Antò: “”Oggi ho incontrato le scuole di danza che solitamente svolgono i saggi di fine anno presso l’Arena Pincio ed ho annunciato loro che quest’anno la location dei saggi cambierà e sarà a piazza della Vita. Questo perchè l’Arena Pincio a breve andrà a bando: lo scopo dell’avviso pubblico sarà quello di trovare un gestore che possa valorizzare questo luogo storico della nostra città ed organizzare sempre più iniziative in favore della cittadinanza e con la collaborazione delle varie associazioni, oltre ovviamente ai saggi che nel futuro sarà possibile svolgere in tale sede”.

Confronto con le scuole. “Per quest’estate l’amministrazione ha intenzione di allestire un’area circoscritta a piazza della Vita nel quale sarà possibile anche effettuare spettacoli a pagamento ed in tale area le scuole di danza potranno mandare in scena i loro saggi a costi che non saranno più alti di quelli pagati negli anni passati per usufruire dell’Arena Pincio – spiega D’Antò -.Tale location sarà sicuramente suggestiva e permetterà alle scuole di svolgere il proprio programma senza complicazioni di sorta. Non appena avrò ricevuto il progetto preliminare su come sarà allestita l’area, ne discuterò con le scuole di danza per cogliere da loro eventuali modifiche o suggerimenti sulla disposizione. In seguito a questo incontro potranno decidere se svolgere i propri saggi al Traiano o a Piazza della Vita. Per quanto riguarda l’avviso pubblico circa l’utilizzo del teatro comunale Traiano, ricordo che nel caso di sovrapposizione di date avrà precedenza chi avrà protocollato prima la richiesta e per questo già oggi con la massima trasparenza del caso abbiamo pubblicato sui canali ufficiali lo schema dell’avviso pubblico che si aprirà domani, venerdì 2 marzo” conclude l’assessore alla Cultura.

 

Condividi