Politica, Pantanelli “scarica” Lucernoni e Palmieri e ricandida Cozzolino

Pantanelli prende le distanze dalle candidature del vice sindaco Daniela Lucernoni, ancora non ufficiale, e dell'attivista Andrea Palmieri, lui si già pubblicamente in campo

L’ex assessore ai lavori pubblici Massimo Pantanelli interviene sulla situazione politica cittadina in vista delle elezioni amministrative di maggio. Pantanelli prende le distanze dalle candidature del vice sindaco Daniela Lucernoni, ancora non ufficiale, e dell’attivista Andrea Palmieri, lui si già pubblicamente in campo. Pantanelli rivorrebbe l’attuale sindaco Antonio Cozzolino nel ruolo di aspirante alla poltrona più ambita del Pincio. Ecco la lettera.

Caro Antonio,
ti scrivo pubblicamente per manifestare, in poche righe, quello che ritengo sia il pensiero
comune di moltissimi civitavecchiesi. Per me è lampante che te sia l’unica risorsa umana candidabile a Sindaco del M5S alle prossime elezioni Comunali. Sei l’unica persona in grado di gestire le mille sfaccettature della politica cittadina, sei il più bravo a tenere insieme un gruppo eterogeneo, sei l’unico che abbia un’intelligenza particolare che ti permette di avere le idee chiare su decine e decine di argomenti. Riesci puntualmente a condividere le nostre linee di governo, durante i confronti e nei tavoli decisionali, mantenendo una tua linea che permette comunque a tutti gli interlocutori istituzionali o meno, di trovare insieme una soluzione utile per la nostra città. Una posizione forte ma aperta. Quindi, per la Civitavecchia per cui da 11 anni, insieme ad Alessandro, stiamo dedicando anima e corpo, da opposizione e da maggioranza, offrendo, con tutti i rischi e le conseguenze, la “pars destruens” e la “pars costruens”, vedo la tua ricandidatura la scelta non solo migliore ma anche vincente, per continuare ad amministrare Civitavecchia e finalmente “cambiarla”. I primi 5 anni hanno logorato e prosciugato le migliori energie, hanno logorato il fisico e la mente, qualche volta consumato rapporti personali, ma ne è valsa e ne vale la pena perché tutto è finalizzato ad una causa superiore, il bene comune. La tua ricandidatura per il secondo mandato è piena di fascino e rappresenta la sfida per una continuazione di un cambiamento che a Civitavecchia è possibile. Il sacrificio e la sottrazione di tempo alla famiglia, alla propria professione, sono sempre ben ripagati dalla consapevolezza di lavorare al servizio dei propri cittadini. Tu, caro Antonio, hai dimostrato queste ed altre qualità di sacrificio e dedizione a tutti noi. Scegli altri 5 anni, con te e la tua squadra per questa città.

Condividi