Ravioli dolci di ricotta

Una ricetta semplice e gustosa per le feste di Carnevale

Ingredienti:
-500 gr di farina
-100 gr di zucchero
-50 gr di burro (fuso)
-3 uova
-la buccia grattuggiata di un limone
-1 bacca di vaniglia
-1 bicchierino di Martini (o vino bianco)

Per il ripieno:
-500 gr di ricotta
-3 cucchiai di zucchero
-q.b cannella
-q.b gocce di cioccolato
-q.b. di Sambuca
-q.b. olio di semi di arachide (per friggere)
-q.b. di zucchero a velo

Procedimento:
Rompere le uova in una terrina e cominciare a sbatterle con una frusta insieme allo zucchero. Aggiungere il burro fuso, intiepidito, poco per volta, sempre continuando a sbattere le uova.
Unire quindi gli aromi al composto, ovvero la buccia del limone, la vaniglia e il bicchierino di Martini. Far amalgamare bene il tutto e aggiungere infine la farina, un po’ per volta, e una volta che l’impasto avrà preso consistenza, continuare a lavorarlo sul piano di lavoro.
Formare quindi un panetto liscio e mettere da parte a riposare per circa 15-20 minuti.

Nel frattempo preparare il ripieno.
In un’altra terrina mettere la ricotta con lo zucchero e cominciare a lavorare la ricotta fino a renderla una crema liscia e vellutata. Aggiungere quindi (a proprio gusto) la cannella, la sambuca e le gocce di cioccolato.

Trascorsi i 20 minuti stendere l’impasto con il mattarello e ricavarne dei cerchi del diametro che preferiamo con un bicchiere o un taglia pasta.
Farcire con il composto di ricotta e chiuderlo molto bene schiacciando i bordi con una forchetta.

Nel frattempo far scaldare abbondante olio per friggere in una pentola e buttarci dentro i ravioli. Farli cuocere, girandoli spesso con una schiumarola, per due minuti al massimo (fino a quando saranno ben dorati e gonfi).

Una volta intiepiditi cospargervi sopra un po’ di zucchero a velo, servire e…buon appetito 🙂

-Sono ottimi anche da freddi, da mangiare nei giorni successivi. Si conservano per circa 2-3 giorni, non in frigo.
– Con lo stesso impasto si possono preparare anche le frappe, magari con i ritagli di pasta che avanzano sempre.

Ricetta di Lara Cervarelli

Condividi