Un presidio pacifico, ma forte e chiaro nei concetti. E’ quello che si è svolto ieri davanti al Comune, dopo quello che si è tenuto una settimana fa in Autorità Portuale. Circa 300 persone hanno affollato la piazza, chiedendo rispetto e soprattutto l’annullamento del bando di Enel sul servizio di carico e scarico del carbone, fino ad ora una gestione che è stata portata avanti da Minosse, i cui dipendenti erano presenti insieme a quelli della Compagnia Portuale. Alla fine è stata una mezza vittoria, visto che il bando è stato sospeso, in attesa del tavolo in Regione. Presente anche la politica cittadina, dal Pd con il segretario Germano Ferri, alla Lega, con il coordinatore Alessandro D’amico. Ma hanno partecipato anche esponenti della Pisana, il vice presidente Massimiliano Smeriglio e Daniele Giannini, consigliere regionale della Lega. Presente ovviamente anche il presidente della Cpc Enrico Luciani e l’ex presidente dell’AP Gianni Moscherini.

Condividi