fbpx

A Civitavecchia tasse al top. Nel 2015 sopra i 1000 euro a cittadino

Civitavecchia” tar-tassata” d’Italia. E’ quanto emerge da un’indagine in parallelo con la recente relazione della Corte dei Conti che ammonisce il Governo sulla pressione fiscale di tutti i Comuni determinata soprattutto dai tagli. Al 2014 la pressione fiscale ha toccato quota 618,4 euro pro-capite, cioè in media a persona. Civitavecchia però è riuscita a fare “meglio”, attestandosi a 961, 96 euro a persona, sempre considerando l’ultimo anno, il 2014.

Dati e numeri. Non che prima le cose andassero così meglio. Dal 2011 infatti si è registrata un’escalation continua: dal 2010, quando l’indice di prelievo tributario era fermo a 410,07 euro, si sono materializzate solo impennate, con 596, 96 del 2011, 614,04 del 2012 e infine gli 835,97 del 2013. Il calcolo è sempre da riferirsi alla media per un cittadino. Uno scenario che fa di Civitavecchia uno dei Comuni più tassati di tutto il paese.

Futuro nero. Quello che rende ancora più plumbeo il futuro della nostra città è la prospettiva a breve termine con i recenti ritocchi di Imu, Tari, Tasi e trattenuta Irpef. Si profila dunque un ulteriore innalzamento che determinerà lo sfondamento di quota 1000 euro pro-capite nel 2015. Una situazione insostenibile secondo la relazione della Corte dei Conti che però attende a livello territoriale il piano triennale di rientro dal debito entro il 15 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *