fbpx

Acqua, è sempre più emergenza, il PD: “Mai così male”

Ancora acqua a singhiozzo in diverse zone della città. Ormai è una vera e propria emergenza con i cittadini costretti a fare la veglia notturna davanti ai rubinetti in attesa dell’acqua per farsi la doccia e lavare i piatti. Ed è un via via continuo alle fontanelle con lunghe file per riempire ghirbe e damigiane. “Cozzolino e i suoi ci stanno riportando trent’anni indietro” affermano il segretario del Partito Democratico Enrico Leopardo e il responsabile della commissione ambiente Roberto Fiorentini, che giudicano grottesche e comiche l’annuncio dell’assessore Ceccarelli sugli interventi per razionalizzare l’acqua, e l’ordinanza del sindaco della scorsa settimana sull’uso privato dell’acqua.

M5S inadeguato. “L’amministrazione sta confermando ogni giorno di più la propria assoluta inadeguatezza a governare della città, che i civitavecchiesi l’acqua la pagano e la pagano anche salata. Soprattutto in considerazione della qualità della stessa e della sostanziale impossibilità ad essere bevuta. E, visto che pagano l’acqua hanno il diritto, principalmente, di averla, quindi di averla in quantità abbondante e di buona qualità ed infine di usarla come meglio gli aggrada, scegliendo quando lavarsi e annaffiare il giardino, senza che un assessore ed un sindaco si arroghino il diritto di razionare l’acqua e di stabilire gli orari in cui usarla. Ceccarelli – affermano Leopardo e Fiorentini – segua l’esempio del suo predecessore e tolga il disturbo. Ma questa volta porti con sé anche il Sindaco Cozzolino. Liberino, finalmente, la città dalla loro arrogante incompetenza e ci permettano di andare al voto. Nel frattempo un qualsiasi commissario prefettizio farebbe certamente di più e meglio di costoro. Anche perché ci vuole davvero poco”.