fbpx

Acqua, Mecozzi: “I regali di Cozzolino all’Acea”

Opere concrete al posto dei proclami. E’ quello che chiede il consigliere di opposizione Mirko Mecozzi, che stigmatizzxa ancora una volta il comportamento dell’amministrazione sulla gestione del servizio idrico. Per l’ex assessore ai lavori pubblici l’annunciato ricorso al Tar contro la diffida della Regione per il passaggio ad Acea non avrà nessun effetto pratico.

Perdite. “Sono almeno 400 mia euro l’anno spesi dalla collettività a causa della scelta scellerata di non riparare l’Oriolo. E’ il valore di quei 70 litri di acqua al secondo – denuncia Mecozzi – che finiscono dispersi nelle pozze in aperta campagna. Un vero tesoretto di acqua pubblica che si disperde nell’incuria e nello spreco a Cinque stelle. Gli altri due acquedotti pubblici Medio Tirreno e Nuovo Mignone (HCS) non sono in grado infatti di sopperire alla mancanza”.

Regali a 5 stelle. “Altra acqua viene dunque acquistata dall’Acea. Quei 70 litri secondo valgono 450 mila euro l’anno: Acea ringrazia Cozzolino ben contenta di incassare anche un ricorso collettivo che è solo uno specchietto per le allodole. Cosa fare? Riparare l’Oriolo prima che arrivi la siccità estiva. Quando il porto aumenterà la sua richiesta il Comune comprerà più acqua dall’Acea per darla al porto che la pagherà meno di quanto la paga un normale cittadino (e meno di quanto mediamente costa allo stesso Comune). Un altro pasticcio-regalo che porta l’inconfondibile firma a Cinquestelle”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *