Dicembre 7, 2022
Al Ghetto e nei locali torna la Lumacata
Civitavecchia Cultura Cultura Civitavecchia Ultima ora

Al Ghetto e nei locali torna la Lumacata

“Ar ghetto aricè la granne lumacata” è il titolo della tradizionale “Lumacata di San Giovanni” organizzata dalla Pro Loco cittadina che torna quest’anno in Piazza Fratti in collaborazione con Patrizia Manunza Lady Chef del Ristorante Dolce & Salato.
L’antica ricorrenza per festeggiare una delle notti più corte dell’anno ha come protagonista la lumaca, simbolo lunare, conosciuto fin dai tempi più remoti, che indica la rigenerazione, la rinascita.
Come spiegano dalla Pro Loco di Civitavecchia, “Nella notte delle Streghe, la suggestiva tradizione romana imponeva di mangiare le lumache le cui corna rappresentavano discordie e preoccupazioni: cibarsi di lumache dunque significava distruggere le avversità. La conclusione della ricorrenza terminava all’alba quando il papa si recava a San Giovanni per celebrare la messa, dopo la quale dalla loggia della basilica gettava monete d’oro e d’argento, scatenando così tutti i presenti”.

Giovedì 23 a partire dalle 20,30 si potranno gustare le lumache e gastronomia varia, accompagnati da una particolare animazione che vedrà la partecipazione di Federico d’Alessandris con il repertorio di CantaRoma accompagnato da Leo Marchi al piano e Fabio De Paulis alla chitarra, e di Roberto Fiorentini per i testi recitati.

Inoltre una analoga iniziativa inizialmente prevista dal Comune non è stata portata avanti, spiega l’assessore al commercio Dimitri Vitali, per non sovrapporsi alle serate organizzate dai ristoratori locali. “Avevamo avviato le procedure per un ritorno in grande stile della Lumacata, attraverso il lavoro dell’Assessorato al Commercio. Ebbene, la migliore delle notizie possibili si è avverata: non ce n’è stato bisogno”.

“Succede a  volte che la vivacità del tessuto imprenditoriale basta da sola, soprattutto quando è mossa da qualità e passione: è questo il caso dei ristoratori locali, che sono stati capaci di creare le condizioni affinché una antica tradizione fosse rispolverata attraverso la loro iniziativa. Quando abbiamo compreso che la manifestazione che avevamo preparato poteva entrare in concorrenza con le serate proposte dai ristoratori, abbiamo preferito fare un passo indietro e dare tutto lo spazio a chi fa impresa. Complimenti quindi agli imprenditori del nostro settore ricettivo e un appello ai civitavecchiesi: domani passate la vigilia di San Giovanni in tutte quelle attività che proporranno lumache nei loro menu, nella migliore delle tradizioni civitavecchiesi”, conclude Vitali.