fbpx

Alla “Renata Borlone” si va a scuola con il Pedibus

Parte domani il progetto “Pedibus” che vedrà protagonista la scuola “Renata Borlone”. I bambini saranno raccolti per motivi di sicurezza dentro un piccolo autobus di cartone, che li “ritira” in precisi punti del quartiere e li porta a scuola. Non c’è motore, si cammina e ci si diverte allo stesso tempo. Ha un suo percorso, degli orari e delle fermate precise, ed è composto oltre che dai piccoli studenti anche da un “autista” e un controllore”. I bambini devono farsi trovare puntuali alla fermata, indossando una pettorina ad alta visibilità. I genitori sono responsabili di ogni singolo Pedibus, ne garantiscono l’avvio e il mantenimento, supporto alla scuola e alle insegnanti. Il progetto sarà allargato nel prossimo anno scolastico anche ad altre classi ed altre scuole.

Sensibilizzare le famiglie. “Questo progetto ha lo scopo di risvegliare nei bambini la voglia di camminare per un salutare esercizio psico-fisico fin dal primo mattino – spiega l’assessore all’istruzione Perrone – per favorire la socializzazione tra coetanei e sviluppare le capacità di orientarsi e aumentare l’attenzione per evitare i rischi che il pedone incontra sulla strada. Inoltre il Pedibus fa diminuire le automobili circolanti in orario di entrata od uscita scolastica. Il nostro obiettivo è sensibilizzare le famiglie ed i loro piccoli ad uno stile di vita sano ed ecosostenibile. Il Pedibus è un piccolo ma significativo progetto che vorremmo allargare nel futuro. Ringrazio tutti coloro che si sono resi disponibili per questa iniziativa”.

Il percorso. Il percorso di domattina sarà il seguente: Ivan Lottatori (capolinea), via G. D’Arezzo, via Ponchielli (punto di raccolta), via Paganini e poi piazza Vivaldi (punto di raccolta) e infine si arriverà a via Doninzetti (punto d’arrivo sede scolastica).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *