fbpx

Angeloni: “Privilegi a cinque stelle per dirigenti e amministratori amici”

Fabio Angeloni della segreteria del Partito Democratico chiama in causa il sindaco Antonio Cozzolino e la giunta a 5 Stelle sulla gestione delle municipalizzate ed in particolare sui compensi dei liquidatori.

Supermanager. “I cinquestelle – afferma Angeloni – devono chiarire di fronte ai lavoratori, avviati ad una cassa integrazione fin qui senza speranze, come mai Hcs, Città Pulita ed Argo hanno lo stesso liquidatore i cui compensi cumulati arrivano a 92 mila euro. (40 mila per HCS, 40 mila per Città Pulita e 12 mila per Argo). Il sindaco deve spiegare, se ci riesce, perché ha concesso allo stesso supermanager rimborsi benzina per altri 3000 euro al mese autorizzandolo per iscritto in forma privata, vale a dire senza convocare una assemblea dei soci, come è stato rilevato dai Revisori dei conti”.

Sullo stipendio del “supermanager” delle holding Angeloni chiama in causa la delibera di Tidei, ancora in vigore, secondo la quale nessun amministratore, nemmeno nelle partecipate, può superare lo stipendio del primo cittadino.

Bluff a 5 Stelle. “Ho sempre creduto che l’immagine della banda degli onesti tanto cara ai Cinque-stelle fosse bluff per allocchi. Questa è una ulteriore prova. Del resto i grillini nostrani hanno già dimostrato un insospettabile attaccamento al denaro, respingendo la proposta di Mecozzi di rinunciare al 20 per cento degli emolumenti e ai gettoni di presenza dei consiglieri”.

Bonus dirigenti comunali. “Dunque non solo i Cinquestelle si tengono stretti-stretti i privilegi della politica, ma sono disposti a spartirli con amministratori e dirigenti amici. E’ il caso dei super bonus ai dirigenti comunali per i quali l’Amministrazione ha messo da parte 253 mila euro, una torta in origine destinata a dieci dirigenti e che quest’anno si spartiranno solo in sette. Proprio questa la ragione che aveva spinto il Mef (pagina 130 della famosa relazione) a chiedere la riduzione del 30 per cento del premio. Richiesta che ovviamente il sindaco Cozzolino ha fatto finta di non capire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *