fbpx

Appalto pulizie, il Comune: “Il contratto è ancora da perfezionare”

“La stipula del contratto sarà effettuata nel pieno rispetto della legislazione vigente, e successivamente potrà essere ufficializzata l’integrazione di ore, come richiesta dal dirigente del Comune”. Lo chiarisce l’amministrazione che interviene sull’appalto di pulizia e custodia degli uffici comunali. Venerdì scorso si è intanto tenuto un incontro presso la direzione territoriale del lavoro, che non ha visto la presenza della Sgm Scala Enterprice. Assenza che ha sollevato tanti dubbi e polemiche da parte dei sindacati, che hanno portato palazzo del Pincio ha fornire una serie di precisazioni sull’appalto.

Contratto da perfezionare. “Innanzitutto va chiarito che il Comune riconosce come interlocutore solamente l’ATI (associazione temporanea d’impresa) vincitrice di appalto pubblico, e non le singole imprese che sono state individuate come esecutrici dell’appalto dalla ATI. Inoltre il Comune – afferma l’amministrazione – non può e non deve entrare nell’organizzazione del lavoro che l’ATI dovrà svolgere, competenza questa esclusivamente aziendale e sindacale. Va precisato che il contratto tra il Comune e la ATI è in corso di perfezionamento: risale infatti al 19 maggio l’ultima comunicazione da parte dell’ufficio contratti alla ATI per la formalizzazione della firma del contratto”.

Segnalazioni e contestazioni. “Per quanto concerne eventuali difficoltà nell’esecuzione dell’appalto, questa amministrazione ha avviato un confronto con le organizzazioni sindacali per verificare la sussistenza di problematiche da sottoporre eventualmente all’attenzione della ATI. Va infine precisato che il Comune segue costantemente l’appalto, e le numerose segnalazioni effettuate alla ATI stanno a significare l’attenzione dell’amministrazione sulla situazione complessiva. Non possono essere in questo frangente effettuate contestazioni formali non essendo in vigore ancora il contratto”.