fbpx

Ascom e CNA contro il Comune, D’Antò replica: “Dai commercianti solo polemiche”

Confcommercio e CNA all’attacco dell’amministrazione. Dehors, abusivismo, intercettazione flusso turistico sono le questioni tirate in ballo dai commercianti civitavecchiesi che sono pronti anche ad uno sciopero fiscale, come annunciato ieri mattina dal presidente dell’Ascom locale Vincenzo Palombo e dal rappresentante degli artigiani Fabio Posocco. La situazione di maggiore difficoltà è quella dei Dehors, con le due associazioni che sono tornate a chiedere un incontro urgente al sindaco. Critiche che hanno scatenato la reazione dell’assessore al turismo e al commercio Enzo D’Anto, che non si aspettava questa dura presa di posizione da parte delle due associazioni.

Tavoli. “Sono stupito dal fatto che le associazioni che ho così spesso convocato a tavoli di lavoro nei miei uffici usano toni che lasciano intendere che nel corso di un anno non abbiano avuto possibilità di confronto. Destano stupore ad esempio le parole di Fabio Posocco il quale, pur essendo un rappresentante della CNA, sembra non sapere che da quest’amministrazione sono stati convocati innumerevoli tavoli ed avviate iniziative interessanti proprio insieme all’associazione che lui rappresenta, forse perché a quelle riunioni lui non ha mai partecipato”.

Nessuna proposta concreta. “Ma la sorpresa più grande restano invece le affermazioni fatte dal presidente dell’Ascom Vincenzo Palombo – afferma D’Antò -, il quale si era sempre proposto finora con atteggiamento collaborativo, sebbene non abbia ad oggi prodotto proposte concrete. D’altra parte l’Ascom e il suo massimo rappresentante hanno a che fare con la questione dehors fin dal 2010 – molto prima dell’arrivo di questa amministrazione – eppure ad una mia esplicita richiesta di collaborazione sulle modalità con le quali affrontare la problematica è sembrato quasi cadere dalle nuvole. Né pare essergli valsa in tal senso l’esperienza maturata come delegato al commercio. E’ certamente semplice limitarsi a cavalcare il disagio dei commercianti magari con la speranza di ridar vita ad un’associazione che ha non ha ancora saputo ritagliarsi il proprio ruolo e che – mi spiace constatarlo – non ha finora creduto realmente nel potenziale economico della nostra città.

Disponibilità agli incontri. “Voglio credere in questo senso che la concretezza e la fiducia che altre associazioni come Unindustria o Coldiretti stanno dimostrando nei confronti del nostro territorio abbia finalmente incrinato l’immobilismo di chi in un recente passato ha persino deciso di chiudere la propria sede a Civitavecchia. Ci tengo a chiarire che ho sempre dato massima disponibilità ad Ascom, chiedendo costantemente incontri per recepire idee e proposte, le quali, come dimostra la riuscita dei mercati europei – unica idea concreta pervenuta finora dall’Associazione dei commercianti – sono da noi accolte e organizzate con la massima convinzione. Nonostante questo, comunque, mi capita di leggere che questa stessa iniziativa viene definita “mordi e fuggi” e senza una ricaduta positiva sulla città. Affermazioni fatte da chi solo qualche settimana prima in conferenza stampa diceva che il suo auspicio era che Civitavecchia potesse diventare una tappa fissa per i mercati europei”.

Dialogo comune-associazioni. “Ciò nonostante sono felice di leggere che l’Ascom abbia così tante proposte da fare, perché ricalcano esattamente le azioni che l’amministrazione ha intrapreso e che ormai ha quasi portato a compimento, come ho già avuto modo di illustrare sia al Presidente Palombo, sia agli organi di stampa. Di recente il Presidente regionale di Confcommercio mi ha comunicato la volontà di aprire una nuova sede a Civitavecchia. Mi auguro francamente che questo sia un segnale di rinnovamento anche nei rapporti con l’Amministrazione e con il mio Assessorato che ha sempre ritenuto e ritiene tutt’ora fondamentale l’apporto che le associazioni degli esercenti possono dare per proseguire nelle attività di rilancio turistico e commerciale della città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *