fbpx

Avaria all’impianto elettrico, nave con 1000 passeggeri bloccata in porto per tutta la notte

La Nave Splendid della compagnia Grandi Navi Veloci è stata costretta a rimanere tutta la scorsa notte in porto a causa di un’avaria all’impianto elettrico. La nave, che doveva partire ieri sera alle 20, è rimasta bloccata alla banchina 16, con evidenti disagi per le 1167 persone (oltre ad 83 membri di equipaggio) diretti a Palermo e Tunisi.

Intervento della Capitaneria. Compreso immediatamente che l’imprevista sosta sarebbe durata ancora diverse ore (con personale tecnico specializzato ancora in viaggio verso Civitavecchia per risolvere il problema), la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Civitavecchia ha prontamente assunto il coordinamento della situazione, non mancando di allertare la Prefettura di Roma e le forze di polizia per i possibili – e sempre imprevedibili – risvolti in tema di ordine pubblico in considerazione del gran numero di passeggeri ancora “costretti” a bordo.

Gestione emergenza. La differente ed eterogenea nazionalità degli stessi, unitamente ad una eccessiva agitazione da parte di alcuni per l’imprevisto occorso, hanno consigliato lo stesso Comandante del porto, Ammiraglio Tarzia, a recarsi personalmente in banchina per coordinare, anche con la collaborazione del comando di bordo, le azioni necessarie ad assicurare il mantenimento della calma a beneficio di tutti. Si è così stabilito di garantire il funzionamento di ogni servizio della nave per tutta la notte (bar, ristoranti, negozi ecc) al fine di mitigare l’imprevista e lunga attesa dei passeggeri, provvedendo ad informare gli stessi sul reale problema occorso e fornendo altresì periodici aggiornamenti sui tempi di risoluzione necessari.

Partenza. Una volta ripristinata la piena efficienza dell’unità, e a seguito della visita effettuata a bordo anche dal RINA, la Capitaneria di porto rilasciava quindi le spedizioni alla Splendid, che ha potuto finalmente mollare gli ormeggi questa mattina alle 10 in direzione di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *