fbpx

Bevilacqua: “Floccari non vuole l’elettrificazione delle banchine”

“Che il consigliere Floccari non veda di buon occhio l’elettrificazione della banchine si era già capito essendosi trovato in pieno accordo con le perplessità sull’argomento rappresentate dall’Autorità Portuale”. La portavoce della segreteria del PD Giulia Bevilacqua contesta l’intervento del presidente della commissione ambiente in risposta alle dichiarazioni del responsabile dell’Unità Affari Istituzionali dell’Enel, che durante il convegno organizzato dai deputati del PD all’aula Pucci aveva annunciato la disponibilità dell’ente elettrico alla realizzazione delle banchine elettrificate.

Atteggiamento compiacente con l’Authority. “Dichiarazioni – sottolinea Giulia Bevilacqua – che costituiscono una ulteriore conferma di questa sua contrarietà e del suo compiacente atteggiamento verso l’Autorità Portuale. Invece di accogliere con soddisfazione la disponibilità dell’Enel, solleva problemi tecnici, accusa l’Enel di volerci solo guadagnare ed arriva sino a guardare con sospetto il fatto che tale notizia sia stata data in un convegno organizzato dal Pd. Fra l’altro, se avesse partecipato, avrebbe saputo che progetti di elettrificazione delle banchine erano stati presentati dall’Enel già dieci anni orsono ma evidentemente, a chi ha gestito ed a chi gestisce attualmente il porto dell’elettrificazione delle banchine, come al consigliere Floccari, poco importava ed importa.

Responsabilità. “Ulteriore conferma del suo allineamento agli interessi dell’Autorità è testimoniato dal fatto che addossa la responsabilità di non aver presentato il progetto della elettrificazione delle banchine all’Enel (cosa fra l’altro smentita dalle dichiarazioni del dott Massimo Bruno) sollevando da ogni responsabilità chi, come l’Autorità Portuale, avrebbe avuto il dovere di richiederlo per prima, essendo l’elettrificazione delle banchine suo specifico interesse”.

Vocazione mistificatoria. “In pieno marasma arriva ad accusare il Pd di aver voluto la centrale a carbone dimostrando ancora una volta la sua palese vocazione mistificatoria. Per quanto ci riguarda continueremo a batterci perché l’elettrificazione delle banchine venga realizzata perché, diversamente da altri, abbiamo più a cuore gli interessi della città che quelli degli armatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *