fbpx

Bollette pazze, le precisazioni dell’assessore Tuoro: “Tutte falsità, il solito caso mediatico”

“Affermare che tutti i solleciti inviati sono errati è una palese falsità; ci chiediamo poi dove fossero le associazioni a tutela dei consumatori quando le bollette non venivano inviate”. E’ la replica dell’assessore al bilancio Florinda Tuoro alle dure critiche ricevute nei giorni scorsi per il caso delle “bollette pazze” sollevato dall’opposizione e dalle associazioni dei consumatori. L’assessore fa il punto della situazione con una serie di precisazioni, ma sottolinea la responsabilità delle passate amministrazioni per il mancato invio delle bollette relative al servizio idrico.

Caso mediatico esagerato. “Ad oggi, su 5mila solleciti inviati, all’ufficio sono arrivate circa 50 persone a verificare la loro posizione; il numero potrebbe crescere ma stiamo parlando di percentuali che si possono attestare all’incirca al 5%. Crearne quindi un caso mediatico è davvero un’esagerazione”.

Critiche paradossali. “Ricevere poi critiche – afferma l’assessore Tuoro -, per avere inviato i solleciti relativi alle annualità 2010-2011-2012che sarebbero dovuti essere già stati inviati proprio da coloro che in quegli anni erano alla guida dell’amministrazione creando la difficoltà nel recupero dei crediti per l’ente e quindi un danno erariale di cui dovranno rispondere alla Corte dei Conti alla quale attenzioneremo la vicenda, è davvero paradossale”.

Pagare tutti per pagare meno. “Non sapevano forse che ciò avrebbe causato un danno erariale al Comune e a pagarne le conseguenze poi sarebbero stati comunque i cittadini? Quali cittadini queste associazioni intendono continuare a tutelare: quelli che non pagano o quelli che pagano in misura maggiore il costo dei servizi perchè costretti a farsi carico anche del nutrito gruppo di evasori che il M5S sta contrastando? Auspico la convergenza di tutte le forze in causa verso l’obiettivo comune: pagare tutti, pagare meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *