fbpx

Bracciano, l’amministrazione annuncia battaglia contro il depotenziamento dell’ospedale

Il Comune di Bracciano ricorrerà al TAR del Lazio contro i provvedimenti recentemente adottati dal commissario ad acta regionale, Zingaretti, nell’ambito dei Piani Operativi 2013-2015, che comportano un depotenziamento dell’ospedale “Padre Pio”. Il Comune ha intrapreso da tempo la battaglia per il mantenimento ed il rilancio della struttura ospedaliera. L’assessore delegato Mauro Negretti  spiega  che “l’amministrazione comunale di Bracciano, di concerto con gli altri sindaci del Distretto F3 (oltre Bracciano, Anguillara, Trevignano,Manziana e Canale Monterano), ha deciso di ricorrere nuovamente alla giustizia amministrativa per veder riconosciuto il diritto che sembrava acquisito dopo la sentenza del Consiglio di Stato  . Il decreto contro il quale ricominciamo la nostra battaglia – dice ancora l’assessore – prevede di fatto la riduzione da 60 a 30 posti letto per acuti, un servizio di teleradiologia senza la presenza del medico radiologo in sede e di fatto la trasformazione del pronto soccorso in un Presidio integrato Territoriale (Pit) : il risultato è che l’Ospedale Padre Pio sarà trasformato in un “ospedale di giorno” come risulta dalle varie dichiarazioni fatte dal Direttore Generale Quintavalle nei vari incontri che si sono tenuti sulla questione.  Per aggirare la sentenza del Consiglio di Stato   i rappresentanti della Regione Lazio coinvolti nella decisione  hanno   individuato il  territorio come “zona disagiata”, facendo riferimento al decreto ministeriale Balduzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *