fbpx

Cartellone estivo, Mari (FI): “C’erano una volta i festival”

Rammarico, amarezza e delusione. È questa la sintesi del pensiero di Forza Italia in merito alla presentazione del cartellone estivo di Civitavecchia.
L’affondo della coordinatrice di FI. “Abbiamo aspettato molto per la presentazione degli eventi estivi, tanto che siamo arrivati ad uno slittamento e ad oggi, nello scoprire i protagonisti dell’estate civitavecchiese c’è tanta delusione e rammarico. Civitavecchia non merita tutto questo”. Ad intervenire è la coordinatrice locale Emanuela Mari. “Enzo D’Antò prometteva un calendario che ci avrebbe stupiti. Lo stupore in effetti c’è stato, ma all’inverso. Sicuramente abbiamo rispetto per gli artisti che animeranno le serate locali, la colpa non è di certo loro, ma si poteva fare molto di più. Sono ormai lontani, gli anni in cui Civitavecchia ha visto artisti di grande spessore: Simply Red, Pooh, Gigi D’Alessio, Emanuela Aureli, Anna Mazzamauro, Valentina Persia, Zucchero, Tony Hadley, i ballerini professionisti della nota trasmissione di Rai1 “Ballando con le stelle”, tanto per citarne alcuni e senza contare gli anni del Tim Tour, che raggiungeva un successo clamoroso. Per i giovani cosa offre la nostra città? La chiusura dei locali del lungomare. Far rispettare le regole è cosa buona e giusta, ma ci sono a anche altre strade da prendere, anziché far chiudere i locali in piena estate che oltre a creare un danno economico ai piccoli imprenditori e ai dipendenti, porta la diminuzione della movida.
Onestà senza competenza. “È inutile continuare a parlare di onestà, quando poi la competenza viene in meno. Forse il nostro assessore alla cultura, non lo sa che un ricco cartellone di eventi estivi, porta economia e turismo? Perché non presentare qualcosa di decente, per far arrivare a Civitavecchia anche persone delle città del comprensorio?
Siamo ormai lontani anni luce dai grandi festival che ha avuto Civitavecchia, dove si raggiungeva una media di 5000 persone a serata, ma tutto questo, ricade sempre e solo sui cittadini e sulla nostra economia locale”.