fbpx

Cerveteri, una pioggia di multe su chi abbandona i rifiuti

Il Comune di Cerveteri ha avviato da alcune settimane una campagna di repressione del fenomeno delle discariche abusive. Una pioggia di contravvenzioni sta cadendo su chi abbandona i rifiuti in strada.

Avanti senza sosta. “Sono oltre 380 le multe che abbiamo elevato grazie alle indagini compiute dalla nostra Polizia Locale insieme alle Guardie ecozoofile di FareAmbiente – ha spiegato Elena Gubetti, Assessore all’ambiente del Comune di Cerveteri –. Io stessa ho partecipato in questi giorni agli appostamenti e alle ricognizioni dei nostri agenti in borghese che hanno fatto fioccare, in poche ore, diversi verbali recapitati a privati cittadini e attività commerciali. L’attività andrà avanti senza sosta fino a che la battaglia contro i conferimenti irregolari non sarà vinta. Con la medesima energia stiamo anche migliorando e rendendo più efficienti i servizi di raccolta, in attesa dell’arrivo della differenziata porta a porta, ormai prossima a partire in tutto il territorio. La scelta di rendere gratuiti i servizi di raccolta a domicilio dei rifiuti ingombranti e degli sfalci dei giardini va proprio nella direzione di aiutare il cittadino a rispettare l’ambiente e mantenere pulita la città. Lo stesso vale per il nuovo numero verde gratuito 800.650850, a disposizione di tutti dal Lunedi al Venerdi dalle 8:30 alle 12:30”.

rifiuti cerveteri

Nemmeno l’area archeologica della Necropoli è stata risparmiata da questi incivili. Dei quasi 400 verbali elevati in queste settimane, per circa un terzo dell’ammontare di 250 euro cadauno e per due terzi da 500 euro, gran parte riguarda attività commerciali con sede in altri Comuni, che quindi non contribuiscono ai costi di gestione e conferimento in discarica sostenuti dai cittadini di Cerveteri. “Oltre ai pattugliamenti – ha proseguito l’Assessore Gubetti – abbiamo installato anche 5 foto-trappole. Si tratta di apparecchi pressoché invisibili che vengono sistemati in punti strategici per cogliere in flagrante chi abbandona materiale ai piedi dei cassonetti e nelle aree pubbliche. Nemmeno l’area archeologica della Necropoli è stata risparmiata da questi incivili – ha tuonato l’Assessore – lo scorso weekend abbiamo individuato e rimosso una discarica abusiva nascosta tra la vegetazione intorno alla Banditaccia, un Sito UNESCO che dovrebbe essere un vanto per tutti, e che invece per qualcuno è un luogo dove lasciare i propri rifiuti. Ma gli è andata male, perché siamo riusciti a risalire al colpevole e gli sarà a breve recapitata una multa molto salata. Ringrazio di cuore i nuovi gestori del servizio di igiene pubblica, le ditte Camassambiente e ASV, per l’efficiente lavoro che stanno compiendo per l’eliminazione di tutte le discariche presenti sul nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *