fbpx

Civitavecchia Infrastrutture va in liquidazione tra polemiche, proteste e malori

E’ passata con i soli voti della maggioranza, la delibera per la messa in liquidazione di Civitavecchia Infrastrutture. Non sono mancate le polemiche anche questa mattina all’aula Pucci tra la maggioranza e l’opposizione sul futuro della società partecipata e dei tre dipendenti. Uno dei tre lavoratori è stato protagonista di un acceso scambio verbale con il consigliere Emanuele La Rosa ed ha avuto un malore. Il consigliere Floccari ha prestato i primi soccorsi mentre la seduta è stata sospesa per diversi minuti.

Razionalizzazione. Dopo l’interruzione è proseguita la discussione con l’intervento dell’assessore al lavoro e alle partecipate Marco Savignani che ha relazionato il consiglio sui motivi che hanno portato la maggioranza ad adottare questo provvedimento. Una scelta per tutelare il patrimonio della società, che si è resa necessaria per adempiere alle disposizioni del governo Renzi sulla razionalizzazione delle società partecipate, a cui le amministrazioni locali si devono attenere. Il PD con i consigliere Stella e Tidei ha chiesto invece chiarimenti sul futuro dei tre dipendenti e sulla loro ricollocazione. “Avranno gli stessi diritti degli altri 400 lavoratori di Hcs – ha spiegato Savignani – nella costituzione della NewCo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *