fbpx

Comitato Gestione Portuale, Leopardo: “Cozzolino faccia un passo indietro”

“Il Sindaco Cozzolino faccia responsabilmente un passo indietro nell’interesse della città e del porto e che i componenti del Comitato siano in possesso dei requisiti previsti”. E l’invito che Enrico Leopardo rivolge al primo cittadino. Il segretario del Partito Democratico ricorda in modo particolare che il porto “ha bisogno di un Comitato formato da professionalità di alto profilo che, di concerto con la Presidenza che ha la diretta responsabilità di una scelta che sia conforme ai requisiti della norma, sappiano programmare un rilancio delle varie attività che sia motore di sviluppo per una città stremata da anni di inefficiente amministrazione”.

Cozzolino inadeguato. Requisiti e professionalità che secondo Leopardo non sarebbero presenti nell’autocandidatura del sindaco Cozzolino. “Non vi è alcun dubbio visti gli esaltanti risultati della sua gestione del Comune – aggiunge Leopardo -, che l’eventuale ingresso del Sindaco Cozzolino nel Comitato Portuale contribuirebbe non poco al suo rilancio. Suscita qualche perplessità quel banale requisito che la legge attuale prevede debbano avere i componenti del Comitato portuale, ovvero una comprovata esperienza ed una profonda conoscenza delle problematiche portuali, che Cozzolino non risulta possedere. Consapevole di ciò, il nostro benemerito sindaco, maestro nello svicolare, cita a suo favore la sua non incompatibilità con l’incarico evitando di affrontare il problema della sua assoluta inadeguatezza professionale nello specifico settore della portualità. Pur di mettersi seduto su quella poltroncina non si vergogna di accreditarsi competenza e conoscenza sulla base delle sue non frequenti e parziali partecipazioni al precedente Comitato di Gestione Portuale regolato da una differente normativa”.