fbpx

Comune, è guerra fredda Riccetti-Cordella-Carugno

Temperature bassissime a Palazzo del Pincio, ma stavolta non stiamo parlando di ciò che accade all’interno della maggioranza 5 stelle.

Rapporti critici. In casa pentastellata c’è moderato sereno dopo le uscite di scena di Alessandra Riccetti e Luciano Girolami, entrambi fanno oramai parte della minoranza. Ma la “dissidente” Fabrizia Trapanesi sembra rientrata nei ranghi. Così la querelle si concentra fra i big dell’aula Pucci, nello specifico fra la presidente del consiglio Riccetti e la segretaria generale Caterina Cordella, ai ferri corti da tempo. Cordella che ha anche inviato una lettera al prefetto su presunte irregolarità commesse dalla stessa Riccetti che nei giorni scorsi ha risposto al prefetto stesso. La segretaria generale avrebbe anche rotto con il dirigente del settore lavori pubblici, Pierluigi Carugno, dopo lo “scaricabarile” sull’autorizzazione unica ambientale del Forno Crematorio. E poi da registrare i toni sempre accessi e i rapporti oramai compromessi fra la Riccetti e il sindaco Antonio Cozzolino, uno scenario da guerra fredda che di certo non giova al Comune.