fbpx

Consiglio comunale, scintille tra maggioranza e opposizione su Hcs

“Non c’è nessun piano industriale per salvare le municipalizzate”. “E’ falso, ci stiamo lavorando”. Continui botta e risposta su Hcs in consiglio comunale fra maggioranza e opposizione. Alla fine la modifica alla delibera 60, quella perfezionata dal Commissario Santoriello, è stata approvata, come preventivabile, con i soli voti della maggioranza che ha alzato la mano in blocco.

Progetto New Co. Si è parlato di una rivisitazione della spesa corrente, senza però affrontare nello specifico il problema. Il tutto dovrebbe essere rimandato alla giornata di mercoledì quando il piano dell’amministrazione verrà presentato ai sindacati. L’assessore Savignani ha illustrato la situazione debitoria dell’azienda, ma dai banchi dell’opposizione sono giunte solo critiche per mancanza di concretezza e spiegazioni sul da farsi.

Grasso. “In nove mesi abbiamo assistito al nulla più assoluto. Non ci sono soluzione e l’assessore Savignani non ha presentato uno straccio di piano industriale. Forse in minoranza siamo tutti stupidi, ma qui nessuno ha capito cosa vuole fare la maggioranza su Hcs”.

consiglio comunale 2

D’Angelo. “Qui si parla di un debito che oscilla da una cifra ad un’altra, quando chi gestisce un’azienda sa benissimo che la matematica non può presentare dubbi al riguardo. Fino ad ora Savignani ci ha parlato di quello che è stato, dei perchè delle criticità, ma in questo momento sono storie che ci interessano poco. Vogliamo capire come verrà evitato il fallimento della partecipata”.

Unica soluzione. Il sindaco Antonio Cozzolino ha difeso il lavoro della giunta: “La nostra posizione è chiara, vogliamo mantenere in house i servizi e non privatizzare Hcs. E’ l’unica soluzione, quella della New Co, solo così ci potrà essere un futuro, anche se tutti dovranno fare dei sacrifici. L’opposizione? E’ ridicolo sentire critiche e lezioni da consiglieri che sanno benissimo come stanno le cose e qual’è la natura del problema”.

Terna a vuoto. L’atteso confronto sulla terna invece si sgonfia perchè il primo cittadino, in risposta alla richiesta della minoranza di invertire l’ordine del giorno, ha dichiarato di saltare l’ultimo segmento di consiglio, proprio quello dedicato alla questione Autority.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *