fbpx

Controlli della Polizia contro il lavoro sommerso: due denunce

Gli agenti del Commissariato di viale della Vittoria in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, ieri mattina ha effettuato una serie di controlli interforze volti a fronteggiare il fenomeno del “lavoro sommerso”, nonché le norme che tutelano l’ambiente. I controlli hanno infatti interessato due “Autolavaggi” ubicati a Civitavecchia ed un rivenditore di “frutta e verdura” di Santa Marinella, tutti esercizi commerciali gestiti da cittadini extracomunitari.

Titolare denunciato. All’interno dei due Autolavaggi gli uomini delle Forze dell’Ordine hanno verificato l’osservanza delle norme sullo smaltimento delle acque e dei rifiuti e le posizioni contributive degli operai impiegati. A seguito dei controlli, il titolare di uno degli Autolavaggi è stato denunciato in Stato di Libertà in quanto uno dei dipendenti di nazionalità libica è risultato sprovvisto di permesso di soggiorno e non in regola con le leggi sull’occupazione.

Lavoratore non in regola. Anche nell’esercizio commerciale di Santa Marinella gli Agenti hanno trovato, intenti a lavorare due operai, un egiziano ed un indiano sprovvisti di documenti d’identità e pertanto non in regola con la normativa del lavoro. Anche in questo caso il titolare, un cittadino 35enne egiziano è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di “occupazione di stranieri irregolari”.

Verifica. I tre cittadini extracomunitari, sono stati dapprima condotti presso gli Uffici del Commissariato di Viale della Vittoria per la compiuta identificazione e successivamente presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Roma, per verificare la loro posizione sul Territorio Nazionale. In sede di verifica è emerso che uno degli stranieri aveva chiesto la sanatoria della propria posizione, mentre gli altri due sono stati, uno denunciato in stato di libertà perché inottemperante all’Ordine del Questore di lasciare il Territorio Nazionale emesso nel 2013 mentre il terzo è stato invitato a lasciare lo Stato entro sette giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *