fbpx

Cozzolino: “Con Moscherini una gestione irresponsabile e scellerata”

“Una gestione sciatta e irresponsabile senza preoccuparsi di produrre gli atti di incarico necessari, senza copertura finanziaria e non utilizzando il personale interno, è stato il modo di operare della amministrazione Moscherini”. E’ la dura accusa lanciata dal sindaco Antonio Cozzolino che si riferisce in particolare alle spese legali sostenute dal Pincio. Tra queste spese spiccano i 20 incarichi conferiti all’avvocato Paolo DI Martino in difesa del Comune dal 2008 al 2013.

Denuncia alla Procura della Corte dei Conti. “A pochi mesi dal nostro insediamento infatti, l’avvocato ci ha chiesto un totale di 1,6 milioni per questi incarichi. L’attuale amministrazione, che tiene in particolar modo alla legalità e quindi alla cura degli atti amministrativi, ha ricostruito tutta la situazione ed il responso finale è da non credere. Dal totale richiesto infatti, circa 1,4 milioni non hanno alcun documento a supporto che giustifichi questa spesa”, spiega Cozzolino che ha denunciato questa situazione lo scorso 24 luglio alla Procura della Corte dei Conti.

Gestione scellerata. “Questo è stato il modo di gestire la cosa pubblica secondo l’ex Sindaco Moscherini – aggiunge il sindaco -, questo è il motivo per il quale oggi siamo sommersi da debiti fuori bilancio a volte derivanti da cause veramente assurde. A noi oggi il compito di fare le denunce presso gli organi competenti, che facciamo puntualmente. Sanare tutte queste situazioni è purtroppo un lavoro lungo e complicato che non ci risparmiamo di fare”.

Visione strategica. “Alla cittadinanza rivolgo invece l’invito a non dimenticare: questo scellerato modo di condurre la macchina comunale è quello che ha proibito alla cittadinanza la possibilità di avere conti sani, opere realmente utili e ha negato alla città il diritto di vivere un Comune con una qualità della vita soddisfacente. Senza una visione strategica lungimirante e a lungo termine, a costo di non avere risultati visivi nel primo periodo, Civitavecchia non potrà mai risollevarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *