fbpx

Cozzolino, su Enel il modello può essere Tsipras

Il referendum che ha premiato il “no” della Grecia al piano di austerity dell’Europa ha suscitato una miriade di reazioni anche sul fronte italiano. Tra i più attivi e aderenti alla politica di ribellione di Syriza il Movimento 5 Stelle che con Beppe Grillo ha seguito direttamente nella trasferta greca i momenti più drammatici e salienti della votazione, manifestando una vicinanza di pensiero significativa con Alexis Tsipras. Affidarsi al volere del popolo, al di la delle regioni di un si o di un no, rappresenta una sfida democratica e di libertà straordinaria. Una sfida che potrebbe essere raccolta, con i dovuti distinguo, anche dal contesto locale. Civitavecchia può essere accomunata alla Grecia per la situazione finanziaria critica e per il  futuro appeso al filo dei conti, da anni in perenne rosso. Tagli, riduzioni, il fiato sul collo del bilancio di previsione 2015 e una rinegoziazione del debito che allunga i tempi di rientro, tutto fa pensare che l’uscita della città dal pantano della crisi sia più lunga e difficile che mai, con il dissesto finanziario immancabile ombra minacciosa all’orizzonte. Il dibattito su Enel si o Enel no è ancora acceso, ovviamente relativo alla possibile convenzione sulla compensazione ambientale.  E’ vero, Cozzolino e attivisti fin dalla campagna elettorale hanno chiarito le linee guida da seguire: “No ai soldi Enel, non barattiamo la salute dei cittadini con un accordo basato sul nulla”. La posizione è sempre stata chiara, ma sarebbe interessante e forse “da Movimento 5 Stelle”, favorire il referendum per consentire alla cittadinanza di scegliere il proprio destino. In ogni caso i pentastellati ne uscirebbero vincitori: con il no continuerebbero a governare con più forza e convinzione, con un si invece avrebbero l’opportunità di operare con intelligenza e lungimiranza per il bene della città, dando una lezione storica ad alcune amministrazioni del passato, colpevoli di aver sciupato un ingente patrimonio di denaro.

Plinio il Giovane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *