fbpx

CPC. Patrizio Presutti: “La nuova stagione sarà l’anno zero”

Dopo 15 giorni di intensa preparazione agli ordini dl mister Massimo Castagnari,  sabato 8 alle 17 al comunale Fattori di Civitavecchia la Cpc 2005 farà il suo esordio stagionale contro il Monterosi. Una sfida  che comincerà a dare  delle  indicazioni allo staff tecnico sulla preparazione fatta fino adesso.

Curiosità intorno alla squadra. Proprio sullo sviluppo del piano tecnico, ma anche societario, ha parlato il Direttore Sportivo, Patrizio Presutti: “È indubbiamente ancora presto per dare un parere definitivo anche se c’è molta curiosità. Si è cambiato molto sia in società che  allo stesso tempo per quanto riguarda la prima squadra. Abbiamo una nuova guida tecnica  e abbiamo cambiato 11 giocatori con l’innesto di 7 elementi. Bisogna avere pazienza nel giudicare, anche se a prescindere c’è molto entusiasmo,  cosa che non manca mai da parte di tutti”.

Cambiato la tendenza degli acquisti. Proprio sui nuovi acquisti della CPC ruota la maggiore curiosità: “Aquisire giovani di valore è sempre stato il nostro tallone d’Achille nel passato – afferma Presutti –   Quest’anno abbiamo cambiato tendenza,  acquisendo giovani di prospettiva sia a breve che a lungo raggio. La speranza è quella di gettare le basi di un futuro roseo,  sia per noi che soprattutto nell’ambito sportivo per loro”.

Speriamo in una collaborazione per il Fattori. Per quanto riguarda la casa dove giocherà la CPC , il D.S. ha dichiarato: “Abbiamo fatto degli  interventi per migliorare la situazione igienico sanitaria della struttura,  con piccoli interventi che il Comune ci ha permesso di effettuare.  Colgo l’occasione per ringraziare l’amministrazione che ci  permesso di farlo. Questo è l’inizio spero di una collaborazione con loro e in futuro in simbiosi con le altre società che usufruiscono dello storico stadio, per qualcosa di più importante e duraturo”.

Gettare le basi per il futuro. Infine Patrizio Presutti ha commentato la nuova stagione che sta per comiciare: “In società questa stagione la consideriamo come l’anno zero, diciamo di transizione.  La prima squadra vedrà l’innesto di tanti giovani, che seppur bravi e al fianco di altri eccellenti giocatori, non ti danno garanzia sulla carta di un’immediata vittoria, anche se sarà il campo a dire la sua alla fine.  Per la Juniores speriamo in una salvezza tranquilla e per gli Allievi  non ci poniamo obiettivi,  come dicevo una stagione di transizione per le compagini portuali. Gettare quest’anno le basi per il futuro, senza pretendere nulla d’eclettico dalle squadre ma solo l’impegno di fare bene fino alla fine onorando la maglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *