fbpx

Cresce la collaborazione tra le scuole del territorio e Malta

Ha fatto ritorno in Italia la delegazione locale, promossa da Alessandro Battilocchio, che nei giorni scorsi si è recata presso l’isola di Gozo per impostare una sinergia ed una collaborazione con le scuole locali. Il gruppo ha visto la partecipazione attiva del Liceo Scientifico e Linguistico “Galilei, rappresentato dalla Dirigente Maria Zeno e dalla docente Nadia Ceccarelli e dell’istituto Nautico “Calamatta”, con le docenti Elide Biordi e Carla Melchiorri.

Interazione. Il Ministro per Gozo, Anton Refalo, ha voluto personalmente ricevere al Ministero la delegazione, anche alla luce degli stretti e consolidati legami dell’isola con il territorio di Civitavecchia ed ha auspicato una sempre maggiore interazione tra le scuole superiori delle due località. Hanno poi avuto luogo le tre visite nelle scuole superiori gozitane, alla presenza del Gozo College Principal, Anton Galea, con la presentazione delle caratteristiche delle scuole stesse ed a seguire interessanti incontri con i tre dirigenti scolastici, con gli insegnanti e con gli studenti.

Amicizia. Anche tutto il consiglio comunale di Ghanjsielem, da anni gemellato con Tolfa, ha ufficialmente ricevuto la delegazione presso l’Aula consiliare: il Sindaco Francis Cauchi, che lo scorso anno venne accolto sia al “Galilei” che al “Calamatta”, ha sottolineato l’importanza dell’amicizia tra le due comunità, ha confermato la disponibilità del Comune ad interagire nell’organizzazione degli scambi e del soggiorno di studenti nel suo Comune nei prossimi mesi.

Nuovi rapporti bilaterali. “Una nuova pietra nel percorso di amicizia tra il nostro territorio e l’isola di Gozo: oltre alle rinomate bellezze di questi luoghi, abbiamo potuto apprezzare la grande ospitalità e disponibilità di questo popolo. Siamo pronti a costruire nuovi rapporti bilaterali che possano costituire per gli studenti opportunità di vivere esperienze di scambio in una terra amica”, hanno dichiarato al loro ritorno i rappresentanti delle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *