fbpx

D’Ambrosio: “Con Moscherini 5 anni di sfaceli per la città, adesso si goda la pensione”

L’esclusione di Moscherini dalla terna del comune per l’Authority è legata strettamente a motivazioni politiche. Lo conferma indirettamente il capogruppo del M5S Elena D’Ambrosio che, pur riconoscendo l’impeccabile curriculum tecnico dell’ex sindaco, lo boccia sonoramente per gli “sfaceli” compiuti quando era alla guida di palazzo del Pincio: Marina, mercato, Fondi Enel, conti pubblici e le partecipate. Una gestione che ha inciso sulla scelta del sindaco Cozzolino e della maggioranza.

Curriculum e ricorso. “Sentire l’ex presidente dell’Authority ed ex sindaco di Civitavecchia Giovanni Moscherini parlare di ricorso al Tar è per noi davvero incredibile. Se da una parte il suo curriculum risulti tecnicamente ineccepibile – commenta Elena D’Ambrosio -dall’altra non possiamo certo dimenticare gli sfaceli che Moscherini ha fatto durante i suoi 5 anni di mandato da Sindaco”.

Disastri. “A partire da quei 50 milioni arrivati dalla convenzione in essere con Enel e di cui non si trova traccia sul territorio. O meglio… le tracce sono purtroppo ben visibili, ma non nella forma sperata. Partecipate portate al collasso grazie ad una serie quasi infinita di assunzioni, un restyling del mercato che si è trasformato negli anni da epocale a tragedia e che oltre a portare sul lastrico buona parte degli operatori commerciali ha visto i suoi costi follemente aumentati in corso d’opera, una Marina progettata e realizzata con miriadi di errori… e la lista potrebbe continuare ancora a lungo. Sostenere oggi di essere il migliore di fronte a queste evidenze significa non aver nessun contatto con la realtà”.

Bocciatura elettorale. “I civitavecchiesi hanno già sonoramente bocciato Moscherini quando ha tentato di riconfermarsi sindaco, ed hanno confermato la loro scelta alle ultime elezioni quando il candidato sindaco da lui sostenuto, Massimiliano Grasso, non ha neanche raggiunto il ballottaggio probabilmente proprio a causa della sua candidatura”.

Pensione. “Ci vorranno anni per riparare ai suoi disastri, specie sui conti pubblici, pertanto invitiamo Moscherini a godersi la pensione e a lasciar perdere: la città ed il porto gliene saranno grati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *