fbpx

D’Antò “L’unione mostrata a Miami tra porto e città deve essere rafforzata sul territorio”

La collaborazione tra il porto e la città ha prodotto i primi risultati al Seatrade di Miami. Amministrazione, Authority, Port Mobility e Roma Cruise Terminal si sono presentati compatti all’appuntamento più importante dell’anno per il mercato delle crociere. Una comunione di intenti che secondo l’assessore al turismo e al commercio Enzo D’Antò deve essere rafforzata sul territorio.

Sinergia. “Solo così – spiega l’assessore – potremo ottenere quei benefici che attraverso il porto avranno una ricaduta positiva su tutta la collettività. La ripresa dell’economia locale ed un abbattimento della disoccupazione non potranno che passare attraverso quella collaborazione tanto auspicata e mai attuata”.

Risultati. “I primi passi mossi in maniera congiunta, come il recente avvio dei lavori a Largo della Pace per l’installazione del welcome center sono stati particolarmente apprezzati dagli armatori che hanno confermato la centralità del Porto di Civitavecchia. Il Seatrade oltre ai risultati ottenuti, ha dato sicuramente una visione di quello che Civitavecchia, attraverso la sinergia tra porto e città, potrebbe diventare: uno dei motivi principali infatti che non hanno permesso in passato la definitiva esplosione del mercato delle crociere a Civitavecchia è proprio la scarsità di servizi che i turisti ricevono quando sbarcano nel nostro territorio”.

Crescita. “Le potenzialità sono tante e riconosciute da tutti e non è un caso per esempio che la Carnival, assente da 2 anni dal porto, dal 2016 tornerà ad attraccare in città, con tutti i benefici che ciò comporta per la nostra economia. Per il prossimo anno inoltre ci sarà non solo un incremento per gli approdi crocieristici ma anche per le merci in arrivo”.

Investire nel sociale. “Come Amministrazione, grazie al prezioso supporto offerto dall’Autorità Portuale, siamo riusciti ad intercettare le Fondazioni che fanno riferimento alle compagnie da crociera e che hanno dato la massima disponibilità ad investire sul nostro territorio per il settore sociale, cosa fino ad oggi mai accaduta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *