fbpx

Degenera la serata e finisce in tribunale.

Una lite in casa rischia di finire in tragedia. La Polizia ha tratto in arresto un uomo di 49 anni e la compagna 32enne, responsabili di concorso in lesioni volontarie e minacce gravi nei confronti di una giovane coppia residente  in una zona periferica a Civitavecchia.

I fatti. Intorno alle 23.30 della scorsa notte, la Volante  di zona veniva inviata con urgenza  all’indirizzo in cui, tramite chiamata al “113”, era stata segnalata una violenta lite in appartamento.

Giunti sul posto gli agenti entravano nell’abitazione, dove una coppia di giovani conviventi informava i poliziotti della discussione avuta poco prima con un uomo ed una donna, un diverbio scaturito nel corso della serata per futili motivi e poi degenerato al punto che la seconda coppia  arrivava a minacciare gravemente  i due giovani, aggredendoli con un coltello da cucina ed un manico di scopa.  I due aggressori venivano immediatamente rintracciati sulla terrazza condominiale dove, nel frattempo, avevano trovato rifugio. Gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato le armi utilizzate nell’aggressione.

Le ferite d’arma da taglio alle mani ed al volto riportate dal giovane durante la violenta colluttazione hanno reso necessario il ricorso alle cure mediche dei sanitari del Pronto Soccorso del San Paolo.

Rito direttissimo. A seguito della denuncia sporta dalle vittime, gli autori del delitto sono stati dichiarati in arresto, convalidato questa mattina dal giudice del Tribunale di Civitavecchia. In attesa del processo,  è stata disposta la misura cautelare dell’allontanamento da Civitavecchia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *