fbpx

Eccellenza, CPC presenta i nuovi acquisti. Presutti: “Siamo una splendida realtà”

Si è tenuta sabato nella sala conferenze della Compagnia Portuale “Ivano Poggi” la presentazione della stagione calcistica 2016/2017 della CPC2005 calcio. A presentare i nuovi acquisti e ad illustrare la nuova stagione Mister Castagnari il patron Enrico Luciani, il presidente Sergio Presutti, il DS Patrizio Presutti, il dirigente Massimo Soppelsa, il terapista Carlo Libbi, e il segretario Luigi Brancale. “Abbiamo fatto una campagna acquisti a fari spenti ma oculata – afferma Sergio Presutti – seguendo tutte le direttive che il mister ci ha richiesto e puntando, in special modo sugli under, che in questa categoria sono la parte predominante dell’undici da schierare.”

Under. Si guarda avanti lasciandosi il passato alle spalle. Giovani ragazzi, fiori all’occhiello per la società, entrano quindi a far parte della rosa della squadra della compagnia portuale. Tra i portieri Luca Chessa e Cristian Deiana, in difesa Luca Capriotti, al centrocampo Alessandro Giambi e Nicolas Puca ed infine in attacco Alessandro Franceschi e Federico Ponzio. “Abbiamo scelto questi ragazzi con lo scopo di fare un’ottima stagione, per la maggior parte di Civitavecchia con l’obbiettivo di mettersi in mostra e  dare una mano alla causa della CPC2005 – ha dichiarato Mister Castagnari -. Vanno a rimpinguare un organico già collaudato unendo quei tasselli che mancavano e che la legge degli under impone. Partiremo con tante squadre che sulla carta sono più forti di noi, ma poi la differenza la fa il gruppo e come ci si mette a disposizione nei riguardi dello staff.”

img_1405

Fattori. Una stagione calcistica con tante aspettative ed obiettivi, tra cui far risplendere il calcio cittadino partendo da una struttura degna del talento dei giovani calciatori: “A noi preme ridare lustro al calcio cittadino e lo faremo insieme al Civitavecchia Calcio appena il bando per il Fattori sarà una realtà, e a cui noi parteciperemo – commenta Enrico Luciani -. Non passa mai in secondo piano il progetto iniziale di permettere a tutti di poter giocare al calcio, anche a chi non ne ha la possibilità economica con una struttura degna, permettendogli così di coronare il sogno di indossare una casacca sportiva”.

 

 

Claudia Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *