fbpx

Enel-Cozzolino, è scontro su manutenzioni Tvn

ENEL non ha alcun obbligo di condividere tali piani con l’Amministrazione Comunale”. E’ la risposta di ENEL in merito alla richiesta di chiarimenti sulla politica manutentiva dell’impianto di TVN  inoltrata dall’Amministrazione Comunale. Una presa di posizione che non va giù al sindaco Antonio Cozzolino che ribadisce il suo pensiero e quello dell’amministrazione pentastellata. Per il primo cittadino quello dell’azienda energetica è un atteggiamento figlio dell’abitudine a porsi degli ultimi anni.

Cozzolino. “Una risposta che ritengo inaccettabile e arrogante e che lascia intravedere le modalità con le quali l’ente energetico è stata fino ad oggi abituata a gestire la propria invasiva presenza sul territorio, condizionandone pesantemente ambiente ed economia a proprio uso e consumo. Una risposta che, peraltro, lascia intravedere una possibile inottemperanza delle prescrizioni dell’AIA visto che la programmazione degli interventi sulla base di specifici criteri da inserire in un manuale dedicato, e la regolare registrazione delle attività manutentive effettuate, costituiscono prescrizione inserita nel Piano di Monitoraggio e Controllo (PIC) parte integrante del provvedimento di AIA”.

Verifiche. “In qualità di rappresentante della comunità locale ed in virtù dei poteri attribuitimi dal Testo Unico delle Leggi Sanitarie, ho il dovere di porre in essere tutte le verifiche che ritengo opportune al fine di accertare se, effettivamente, il gestore attui tutte le misure finalizzate a minimizzare l’impatto ambientale e se, quindi, sussistano le opportune garanzie a tutela della salute dei cittadini.
Proprio per questo mi sono visto costretto a segnalare tale intollerabile situazione alle Autorità Competenti per il controllo, ovvero l’ISPRA e i Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, chiedendo la verifica dell’ottemperanza sia documentale che pratica della prescrizione relativa alle attività manutentive. Un’azione che non solo è mio precipuo dovere, ma che si rende necessaria sia per verificare se si stia facendo tutto il possibile per minimizzare l’impatto della centrale sull’ambiente e la salute della popolazione, sia perché risulta impensabile un confronto sulle politiche del lavoro che eluda le reali esigenze del territorio e si basi solo sulla buona volontà degli attori presenti”.

Sindacati. “A giorni incontrerò alcuni rappresentanti sindacali che mi hanno chiesto un confronto su queste tematiche e chiederò loro di sposare la linea di azione dell’Amministrazione, partendo proprio dalla consapevolezza che una sana e trasparente programmazione delle attività manutentive sono sinonimo di minor impatto ambientale e, nel contempo. di maggiore occupazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *