fbpx

Forza Italia: “Doppia sconfitta per Grasso”

Una bolla di sapone e una doppia sconfitta per Massimiliano Grasso. Forza Italia non risparmia nuove critiche al capogruppo de La Svolta dopo l’esito del riconteggio e la decisione di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato. “A quella delle elezioni – afferma il coordinatore azzurro Roberto D’Ottavio – si è aggiunta quella del ricorso. Non male, per un candidato, perdere due volte: quanto basterebbe per un semaforo rosso ma si sa, certe rubriche sono a senso unico. La notizia tuttavia striscia per la città e i semafori verdi per il gesto di responsabilità potranno soltanto far sorridere, anzi ridere”.

De Paolis. Forza Italia si congratula invece con Sandro De Paolis, che gli azzurri avrebbero voluto come sindaco unitario del centrodestra e che adesso “si deve accontentare, alla luce delle vere poste in gioco e della sfrontatezza dei rivali, di un posto da Consigliere”.

Terna Authority. Non mancano nuove critiche all’amministrazione Cozzolino per la terna per l’Autorità Portuale, sulla cui composizione i forzisti chiedono che ci sia un dibattito aperto. “Il partito della trasparenza” si conferma assai opaco – aggiunge D’Ottavio -, perchè ci dicono che la terna è già pronta: speriamo di essere smentiti. A noi interessa cosa pensano al riguardo i disoccupati di Civitavecchia e le piccole imprese, quelli che hanno sempre sentito parlare dello “sviluppo portuale” ma non hanno mai avuto la fortuna di lavorare nella “Montecarlo” (per pochi intimi) civitavecchiese”.

Dibattito pubblico. “Eppure abbiamo detto, e lo ribadiamo, che siamo anche disposti ad un dibattito pubblico: in fondo se le scelte del Comune sono le migliori possibili, che paura deve avere di un confronto franco e chiaro, con i nomi sul tavolo, il sindaco Cozzolino? I dibattiti (in streaming, in tv, in piazza davanti a un banchetto: facciano loro) dovrebbe essere il loro forte …
Purtroppo però, com’è sotto gli occhi di tutti, ai nostri quesiti non abbiamo
avuto, tolto qualche insulto (che sarà poi valutato dagli organi competenti) di
Consiglieri di parte che hanno ottenuto un posto di lavoro grazie ai voti presi
(o in merito a cos’altro non si sa), risposte neanche dall’Autorità Portuale: ma
questo ce lo aspettavamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *