fbpx

Grasso: “Il sindaco chiarisca la reale situazione di Hcs”

Il pignoramento del conto corrente di Hcs ha riacceso il dibattito sulle municipalizzate e creato grande preoccupazione sulla situazione economica del Comune e sul futuro dei lavoratori. Le voci sull’effettivo ammontare del pignoramento, dai 100 mila euro annunciati dal sindaco, al milione e 400mila euro ipotizzati dal capogruppo de La Svolta, non fanno altro che generare confusione in città. Per questo motivo Massimiliano Grasso ha chiesto ad Antonio Cozzolino di fare chiarezza e di spiegare la reale situazione di Hcs.

Trasparenza. “E’ dovere del Sindaco rappresentare con la massima trasparenza quale sia l’esatta dimensione dell’accaduto e quali sono le azioni che l’Amministrazione intende intraprendere per cercare di porre rimedio ad una situazione che era già esplosiva e che oggi potrebbe essere giunta al capolinea, con l’ulteriore prossimo coinvolgimento della già precaria stabilità finanziaria del Comune”.

Situazione finanziaria. “Chiediamo di sapere a quanto ammonti il pignoramento – afferma Grasso -, se è vero che il credito in questione sarebbe addirittura di oltre 1,4 milioni, e se corrisponda al vero la notizia che la stessa società creditrice di Hcs abbia posto in essere anche un’azione revocatoria relativamente al conferimento dei beni patrimoniali a Civitavecchia Infrastrutture, azione che – qualora fosse accolta – rimetterebbe in discussione dalle fondamenta il piano di salvataggio elaborato dall’amministrazione.

Responsabilità e disponibilità. “In questa situazione emergenziale, che mette a rischio posti di lavoro, servizi pubblici essenziali per la cittadinanza, fino alla stabilità stessa dei conti e del funzionamento del comune, La Svolta per l’ennesima volta, facendo appello al senso di responsabilità di tutte le forze politiche, dichiara la piena disponibilità a dare il proprio contributo in termini di proposte operative e di sostegno politico ad una azione condivisa da maggioranza e minoranza, al fine di cercare insieme le soluzioni possibili per uscire da una situazione così difficile per tutta la città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *