fbpx

Hcs arriva in consiglio comunale

Venerdì torna a riunirsi il consiglio comunale con la maggioranza che porterà all’aula Pucci una prima importante delibera sul futuro delle partecipate. Delibera che prevede l’utilizzo dei 10 milioni di euro, che l’Enel secondo lo schema di attualizzazione dell’accordo del 2008 si è impegnato a versare in cinque anni al Comune come compensazione per la mancata erogazione delle royalties legate alla ricaduta economica per il parco eolico, come contributo iniziale per finanziare il piano di concordato di Hcs.

Senso di responsabilità. “Le disastrate condizioni del bilancio comunale, seriamente logorato dalla presenza di debiti, crediti di difficile esigibilità e operazioni sprovvedute di finanza creativa – sottolinea il consigliere del M5S Marco Pucci – non avrebbero consentito al Comune di finanziare il piano di concordato in assenza di questo contributo esterno. Subito dopo saranno presentati i piani di concordato e si creerà la nuova società. Il lavoro da parte dell’amministrazione è stato completato e sarà illustrato e portato in Consiglio Comunale nelle prossime settimane, adesso ci si raccomanda al senso di responsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti perché, date le pessime condizioni dell’Ente, da eventuali ostacoli ci sarebbe solo da perdere e nulla da guadagnare, soprattutto da parte dei lavoratori delle partecipate”.

La pensa però diversamente il capogruppo de La Svolta Massimiliano Grasso, il quale considera che questa delibera altro non è che la dimostrazione di come l’amministrazione stia brancolando nel buio.

Riforma Madia e legge di stabilità. “A prescindere dalle nostre valutazioni sulla illegittimità del nuovo accordo – spiega Grasso -, senza il voto del Consiglio Comunale, è evidente che Cozzolino ormai cerchi solo di prendere tempo di fronte ai creditori ed al Tribunale: impegnare subito 2 milioni a fronte di quasi 40 milioni di debiti per creditori che attendono già da 4 anni di essere pagati, significa presentarsi con una proposta risibile. Ma questo eventualmente saranno i creditori ed il Tribunale a deciderlo. Certo è che comunque non si tiene minimamente conto di quanto previsto dalla riforma Madia, che tra poche settimane entrerà in vigore, e comunque dalle leggi di Stabilità del 2009 e del 2014, che in presenza di società in perdita escludevano la possibilità di costituire nuove aziende. Inoltre, continua a non essere chiaro (perché non può esserlo, in queste condizioni finanziarie così drammatiche) come da un lato si pensi di mettere sul tavolo 2 milioni e dall’altro si riescano ad accantonare i 9-10 milioni previsti dalla legge di stabilità 2015 per il 25% del debito consolidato di Hcs e per le ulteriori perdite della società”.

Aria fritta. “Questo atto di indirizzo, allo stato delle cose, è ancora aria fritta, sulla scia di quanto propinato finora dall’assessore fantasma Savignani, che non ha concordato nulla nemmeno con i sindacati e non si è presentato nemmeno stamattina in commissione ad illustrare l’esito del suo lavoro e la delibera di cui stavolta è relatore direttamente il Sindaco.

Accordo con l’Enel e passaggio in consiglio. “Visto che, come diceva un certo Andreotti, a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, non vorremmo che si volesse contrabbandare il passaggio in Consiglio, che richiama l’accordo di dicembre con Enel, come il voto richiesto dalla stessa Enel nel massimo consesso cittadino. Il dubbio è legittimo, in quanto, a ben vedere, forse – in questo caso – non ci sarebbe nemmeno bisogno del voto del Consiglio Comunale per dare mandato al dirigente dei Servizi Finanziari di utilizzare i soldi Enel per il concordato. A meno che, appunto, non si voglia far credere che ad essere così passato in Consiglio Comunale è stato tutto l’accordo con Enel. Se questa fosse la reale intenzione di Cozzolino, sappia che mancherebbe comunque la questione principale per cui è necessario che si esprima, senza trucchetti di sorta, il Consiglio Comunale: ossia la restituzione all’Enel dei 10,4 milioni dal 2023 al 2034. E che quindi rimarrebbero aperte tutte le questioni finora sollevate dalla minoranza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *