fbpx

Hcs, Cozzolino: “Da Tidei solo menzogne, è tempo che vada in pensione”

“Trovo scandaloso che Tidei ed altri esponenti dell’opposizione osino prendere l’argomento dei bilanci delle società comunali accusando questa Amministrazione di una gestione dissennata, quando ogni singolo cittadino ha visto con i propri occhi compiersi un vero e proprio scempio nelle partecipate giorno dopo giorno in questi ultimi anni”. Il sindaco Antonio Cozzolino replica ai consiglieri Massimiliano Grasso ed in modo particolare a Pietro Tidei, che avevano accusato il primo cittadino per il peggioramento dei conti delle società comunali.

Trasparenza e correttezza. “I bilanci – ha spiegato Cozzolino – semplicemente per la prima volta sono ispirati a principi di trasparenza e di correttezza. Per questo abbiamo dovuto anche prevedere una svalutazione di crediti che oggettivamente sono diventati ormai inesigibili e che, alla vigilia della presentazione di un piano industriale serio e della costituzione della New Co., non possono essere allegramente considerati come incassi possibili. Così si drogherebbero i conti, si falserebbero i bilanci – pratica in uso durante tutte le passate amministrazioni – azzoppando le prospettive del nuovo assetto societario che stiamo realizzando ancora prima che venga varato”.

Svalutazione crediti. “Per di più i 5,7 milioni di svalutazioni riguardano crediti TIA degli anni 2002-2007 e quelli degli anni 2008, 2009 e 2010 passati dalle vecchie società Etruria Servizi ed ETM al momento dell’incorporazione in HCS. Più che chiedere a noi perché noi abbiamo dichiarato che non sono esigibili, bisognerebbe chiedere a lui (Tidei, ndc) per quale motivo gli amministratori nominati dalla sua amministrazione abbiano invece stabilito che lo erano. I fatti purtroppo per lui e per altri parlano chiaro: se quei crediti erano reali e recuperabili perché non sono stati incassati? La ripartenza della città e il miglioramento dei servizi devono iniziare anche dall’affrontare i problemi in modo diretto, senza continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto. Tidei, se proprio ha a cuore il futuro della città, faccia un favore ai civitavecchiesi e a se stesso – conclude – e scelga definitivamente la via della pensione già chiaramente indicatagli dagli elettori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *