fbpx

Hcs, Crisostomi (Pd): “Cozzolino come un bambino delle elementari”

In attesa dell’incontro tra amministrazione comunale e sindacati per il piano industriale da sottoporre per salvare Hcs il Partito Democratico attacca il sindaco Antonio Cozzolino. E’ il membro della segreteria democrat Jenny Crisostomi ad affondare il colpo in tono ironico al primo cittadino, paragonato ad un ragazzino alle prime armi che affronta un problema di matematica a scuola. La soluzione secondo l’esponente del Pd sarebbe a portata di mano, soprattutto sul tema dei prepensionamenti.

Crisostomi. “Secondo Cozzolino se una azienda manda in pensione il personale spende 2 milioni in più! Allora siamo tornati ai tempi del contadino che va al mercato con 4 mele, se ne vende 3 quante ne porta a casa? Più o meno è questo il livello della Giunta a 5 stelle. Basta registrare quanto sostenuto in merito alla gestione del personale di HCS, dove ci sono 30 persone che possono essere progressivamente pre-pensionate. Sono le 30 rimaste escluse dal piano complessivo di 55 pensionamenti, previsti dal Piano Tidei per passare da 15 milioni di costo del personale del 2012 (epoca Moscherini) ai 13,8 del 2013, ai 13,2 del 2014 per arrivare ai 12 scarsi, previsti per il 2015.

antonio-cozzolino

Ironia e affondo. “Allora torniamo al problemino: se una azienda manda in pensione 30 dipendenti che costano 1.083.000 euro circa e riconosce un premio che mediamente è pari a 10.000 per ognuno dei 30, quanto costa il piano oppure quanto risparmia l’azienda ???

Svolgimento di Cozzolino (sottrazioni):

1.083.000 (di costo attuale) –

300.000 (di premio totale) =

– 2.000.000 di euro di costo … boooom !!! BOCCIATO

Risposta esatta (sottrazioni):

1.083.000 –

300.000 =

+ 783.000 euro di risparmio per il primo anno.

+ 1.083.000 di risparmio secco dal secondo anno in poi. Altro che costo di 2 milioni.

Conclusioni. “Ossia caro Cozzolino, non ci sta costo aggiuntivo di 2 milioni ma risparmio secco !!! Forse, infatti, il nostro Sindaco non ha capito che gli stipendi a quei 30 li sta pagando ancora oggi. Se l’indennizzo per la pensione anticipata venisse pagato (come è sempre stato) con le stesse scadenze degli stipendi, non ci sarebbe quindi nessun esborso anzi un risparmio secco ed immediato. Questo è un esempio semplicissimo per dimostrare il livello di questa amministrazione. Povera Civitavecchia a chi è capitata in mano. La prossima volta illustreremo a Cozzolino la tabellina del 2 … si prepari perché è un po’ più ostica delle sottrazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *