fbpx

Hcs e sot, Grasso: “Savignani porti in consiglio i piani industriali”

“Da gennaio attendiamo in consiglio comunale i nuovi piani industriali, per cercare di capire come concretamente l’assessore Savignani con la sua schiera di consulenti pensino di trovare le risorse per evitare il fallimento di Hcs, dar vita alla New.co., pareggiare la gestione e pagare gli oltre 30 milioni di debiti pregressi”. Il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso torna a chiedere chiarimenti all’amministrazione sul piano di riorganizzazione delle municipalizzate. Nei prossimi giorni i rappresentanti del Comune sono attesi in Regione per discutere della cassa integrazione, dopo una prima bozza di accordo con i sindacati, che non ha però visto la firma dell’Ugl.

Firma al buio. “I paladini della regolarità si sono ravveduti, chiedendo però alle stesse organizzazioni sindacali una firma rapida e senza troppe discussioni, prima ancora di approvare i bilanci 2014 ed avere l’ok per la costituzione della nuova società con i relativi contratti di servizio. Bene ha fatto, a queste condizioni, l’Ugl a chiedere altre informazioni e a non cedere alla pressione, motivata con l’impellenza dell’incontro in regione. Dopo un anno di nulla, è assurdo chiedere ulteriori atti di fede, quando si è entrati nel mese decisivo per il destino delle municipalizzate e dei loro lavoratori”.

Piano industriale in consiglio. “Da chi ha fatto della regolarità, della trasparenza e della partecipazione la propria bandiera – spiega Grasso -, ci si attenderebbe come minimo che venisse subito in consiglio comunale ad illustrare in dettaglio e non con qualche inutile slide come intende procedere e quali sono i piani elaborati in quasi un anno di studio. Sempre che il castello di carta costruito finora, in assenza della chiara indicazione sulle modalità con cui reperire le risorse finanziarie da mettere sul tavolo e nel contesto pre-fallimentare di Hcs, ottenga anche formalmente il via libera necessario alla luce delle disposizioni dell’ultima legge di stabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *