fbpx

Hcs, Tidei: “Cozzolino sempre più inadeguato”

“All’istanza di fallimento della MAD, che da sola avrebbe dovuto determinare le immediate dimissioni della Giunta, risponde mischiando provvedimenti e giochi di parole, credendo probabilmente, di avere dinnanzi a se una Città di ignoranti. La domanda di concordato è stata ammessa. Ci mancherebbe altro. Ma una cosa è la domanda ammessa, una altra (cosa ben diversa) è il concordato approvato”. Lo afferma l’ex consigliere del Partito Democratico che critica l’intervento del sindaco Antonio Cozozlino sul piano di concordato.

Piano di concordato. Tidei ricorda infatti che Il concordato per essere approvato dovrà avere l’approvazione di oltre la metà dei creditori. “Visto che il più importante, si è apertamente detto indisponibile (tanto da presentare istanza di fallimento), a maggio, quando sarà convocata l’Assemblea dei creditori , le possibilità di approvazione, appaiono remote. Con maturità – prosegue Pietro Tidei -, il sindaco dovrebbe parlare chiaro ai suoi cittadini. “Ammesso” non vuol dire “approvato” e solo i creditori, rinunciando praticamente a tutto, con conseguente danno per loro, le loro famiglie ed i loro dipendenti (quasi tutti civitavecchiesi) possono determinare il futuro delle società del Comune. A proposito, visto che Cozzolino è così propenso a dire la verità, se ha coraggio, spieghi alla Sua maggioranza ed ai cittadini le indicazioni ricevute dal Tribunale in seno alla procedura di concordato. Tra qualche giorno, altrimenti, saremo costretti a raccontarlo noi”.