fbpx

I No Coke Alto Lazio: “L’accordo Comune-Enel non va bene”

I No Coke Alto Lazio commenta negativamente l’accordo di attualizzazione della convenzione del 2008 tra l’Enel e il Comune. Un accordo che “non va bene e per vari motivi” ha specificato il movimento, che avrebbe ritenuto opportuno limitare la transazione all’adeguamento per l’Ici/Imu, omettendo invece “di barattare la mancata realizzazione del parco eolico con soldi e lavori, questi ultimi peraltro subordinati ai progetti da predisporre da parte dell’Enel”.

Vertenza ambientale. Secondo i No Coke l’amministrazione Cozzolino deve aprire una forte vertenza ambientale con l’Enel per permettere a Civitavecchia di uscire da una situazione frutto di anni di cattiva amministrazione e dalla logica della dipendenza da Enel.

Le iniziative per ridurre l’inquinamento. Per il Movimento è infatti necessario attuare una serie di iniziative tendenti ad ottenere un piano di riduzione e dismissione del carbone, con l’immediata utilizzazione di carbone a basso tenore di zolfo;
Approvare una delibera consiliare che preveda al temine dell’esercizio della centrale di TVN la dismissione della stessa con obbligo dell’Enel di bonificare l’area;
Valutare la possibilità di inoltrare la richiesta di riesame dell’AIA sulla base di eventuali nuovi dati sanitari;
Invitare la Regione Lazio a reintegrare i fondi destinati all’attività dell’Osservatorio ambientale regionale, l’unico previsto per legge, affinché questo sia effettivamente e pienamente funzionante;
Inviare al più presto osservazioni puntuali alla Regione per la modifica del nuovo Piano Energetico del Lazio, che nella stesura attuale trascura completamente la situazione ambientale e sanitaria di Civitavecchia;
Attivare la procedura per inserire Civitavecchia tra i siti inquinati compresi nel programma nazionale di bonifica;
Sollecitare ulteriormente l’Autorità portuale di Civitavecchia affinché trasformi e costruisca banchine elettrificate;
Organizzare con cadenza periodica incontri con i movimenti ambientalisti e i cittadini e coinvolgerli sulle tematiche ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *