fbpx

I Parchi pubblici saranno gestiti dal terzo settore

Il consigliere grillino Francesco Fortunato, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, ha illustrato quale sarà il futuro dei cinque parchi pubblici (Saraudi, Bricchetto, “Yuri Spigarelli”, parco della Resistenza e via Veneto), che Enel deve riqualificare.

L’obiettivo. “La nostra idea – ha detto – è stata fin da subito quella di affidare queste aree verdi al terzo settore, ad imprenditori locali, o a cooperative composte da questi soggetti e  proprio per questo nei capitolati dei bandi di gara abbiamo intenzione di inserire delle clausole che privilegino questi operatori. Soggetti, questi, che non avrebbero modo di poter investire centinaia di euro per mettere a posto i parchi, che sono in condizioni a dir poco pessime, ma che se supportati nelle giuste maniere non solo potrebbero avere l’opportunità di vedersi affidare una struttura pubblica, a costi calmierati, ma anche di creare nuovi posti di lavoro. Cosa fondamentale per la nostra città dove la disoccupazione è altissima e trovare un lavoro è un’impresa da titani. Chi vorrà partecipare – ha continuato Fortunato – dovrà presentare all’amministrazione un progetto migliorativo e potrà anche svolgere un servizio di ristorazione che gli permetterà di introitare fondi per il sostentamento delle attività della struttura. Questa è un’economia sana e che potrebbe portare nuova linfa sia al settore economico che sociale della città. Una volta terminati i lavori stabiliremo, in base alle potenzialità di ciascuna struttura, la durata della concessione e il canone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *