fbpx

Il PD si “sposta” al centro e attacca la giunta su Hcs e il porto

Una nuova sede per stare “più vicino” ai cittadini. Il Partito Democratico si sposta al centro nella nuova “casa di vetro” di via Cesare Battisti, come l’ha definita il segretario locale Enrico Leopardo. Un punto d’incontro e d’ascolto per i problemi dei cittadini, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20, che sarà il fulcro dell’attività politica dei democrat.

Documenti. “Nei prossimi giorni prepareremo una serie di documenti sui temi caldi della città: lavoro, sociale, ambiente e sport. Partiremo ovviamente dal lavoro – afferma Leopardo – visti i dati tristi sull’occupazione nel territorio e il non governo del M5S. A questo punto meglio un commissario”.

Unità e condivisione. “I documenti che presenteremo passeranno tutti dalla direzione e cercheremo di trovare un percorso unitario su ogni tema. Il partito Democratico è unico e il segretario rappresenta tutte le componenti. E’ chiaro però che non si vince da soli e dobbiamo guardarci intorno anche alle altre forze politiche di centro –sinistra, e lavorare a possibili e future alleanze con Udc, Sel, Idv e alla lista di Petrelli”.

All’inaugurazione della nuova sede erano presenti anche il capogruppo Marco Piendibene, la consigliera comunale Paola Rita Stella e la deputata Marietta Tidei. Scontato un passaggio su Hcs, dehors e porto dopo il consiglio comunale di ieri pomeriggio.

Piendibene. “Il M5S ha cercato di svilire la discussione sul porto inserendo altri punti all’ordine del giorno. Il sindaco aveva già pianificato la sua fuga per evitare una spaccatura interna, ma è stata evidente la sua mancanza di argomenti e di carisma. Su Hcs il comune non ha ancora prodotto un piano industriale e con la delibera approvata ieri si da invece mandato ai liquidatori di effettuare i tagli di personale e gettare così su una zattera i 400 lavoratori. Si lascino le sot al loro destino che è quello del fallimento”.

Stella. “Quello del sindaco è stato un comportamento sgradevole. Sul porto non ne facciamo una questione di nomi ma di giudizio sulla gestione degli ultimi 4 anni. Purtroppo negli ultimi 20 anni non si è mai riuscita a trovare una sinergia tra il comune e il porto. Sotto la gestione Monti c’è stato sviluppo solo nel settore passeggeri mentre per le merci stanno arrivando accordi soltanto adesso. Come partito abbiamo chiesto una discontinuità per cercare di trovare quella sinergia per il bene della città. L’economia di Civitavecchia si può risollevare solo con il porto”.

Feuli. Il segretario dei giovani democratici Claudia Feuli ha espresso soddisfazione per un gruppo molto attivo e punto di aggregazione per i giovani. “Vogliamo formare i politici del domani e informare i giovani sulle problematiche della città. Abbiamo portato avanti diverse iniziative, tra cui il dibattito sull’ambiente, e altre ne seguiranno a partire dalle celebrazioni per il 25 aprile”.

Bevilacqua. La portavoce della segreteria punta invece al coinvolgimento delle associazioni di volontariato e la volontà di stare vicino ai cittadini. “Vogliamo fare politica e farla bene. Ci stiamo muovendo su tutto il territorio perché non siamo una setta e vogliamo stare in mezzo alla gente”.

Comunicazione. Con il nuovo corso del PD è aumentata l’attenzione al rapporto con la stampa e con i cittadini. “Sul nostro sito – ha spiegato il responsabile della comunicazione Simone Cervarelli – negli ultimi due mesi abbiamo avuto il 61% di nuovi utenti e sui social network abbiamo un seguito consistenti nella fascia d’età tra i 35 e i 55 anni. Abbiamo prodotto oltre 40 comunicati stampa e abbiamo dato il via a delle video inchieste per coinvolgere anche i cittadini sui problemi della città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *