fbpx

Impiantistica sportiva, in arrivo due bandi, per il resto è caos

Da lunedì in arrivo i primi bandi per due impianti sportivi civitavecchiesi. Da quanto trapela da Palazzo del Pincio, all’inizio della prossima settimana dovrebbe cominciare l’iter per l’assegnazione del “PalaMercuri” e del “Chiara Grammatico”.

PalaHockey. Per il PalaHockey ci potrebbero essere le novità più significative. Infatti la Cv Skating parteciperà al bando ma qualcosa potrebbe cambiare. E’ previsto infatti per stamattina a Roma un incontro richiesto dal Presidente della Federazione Italiana Hockey e il delegato allo sport Massimiliano Parla. All’ordine del giorno della riunione un possibile interessamento della Federazione per l’impianto cittadino.

PalaGalli. Nessuna novità invece per quanto riguarda i due impianti sportivi principali della città: il PalaGalli e il Fattori. Per l’impianto che ha visto giocare in casa questi anni la SNC, i dubbi sono relativi al fatto se il bando debba riguardare solamente lo Stadio del Nuoto o anche la struttura in via Maratona, dedicata ad iniziative non agonistiche. Neanche un incontro fra il delegato Parla e il vice presidente Feoli ha sbloccato questa situazione di stallo.

Fattori. Situazione diversa quella che vive il Fattori. Dopo un sopralluogo fatto da alcuni tecnici e il delegato allo sport Massimiliano Parla, si è appreso che il manto erboso sintetico dello stadio scadrà a giugno 2016. Una doccia fredda per l’impianto calcistico che è già in pessime condizioni e che avrebbe bisogno di una pesante ristrutturazione. “Se non si troverà qualcuno con la volontà di investire – dice Parla – si dovrà andare verso la chiusura. In queste condizioni non possiamo dare nemmeno il via libera al Civitavecchia Calcio per fare alcuni lavori a scomputo del debito con il Comune. Un ok che arriverà soltanto dopo l’approvazione del bilancio di previsione fissato per il 3 Luglio”. Solo per rifare il manto erboso il prossimo anno ci vorranno 300 mila euro mentre per tutto il resto del Fattori la spesa si aggira a circa doppio. Se la situazione non si risolverà entro il prossimo anno, le speranze di utilizzo dello storico stadio cittadino saranno ridotte al lumicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *