fbpx

Inquinamento in porto, Menditto richiama la Regione

“Questa amministrazione ha tra le proprie priorità una politica di Risanamento della Qualità dell’Aria e continuerà ad esercitare pressione affinché la Regione faccia quanto di sua competenza per tutelare la salute dei cittadini: E’ nostra speranza che provvedimenti regionali in tal senso non debbano attendere che al governo della Regione, come a quello nazionale, arrivino forze politiche evidentemente più sensibili alle tematiche ambientali rispetto alla Giunta Zingaretti”. E’ il duro commento del presidente della commissione ambiente Dario Menditto che ha criticato il consiglio regionale per non aver ancora discusso la richiesta del Comune di Civitavecchia di inserire nel Piano di Risanamento della Qualità dell’Aria norme finalizzate a fronteggiare l’inquinamento generato dalle navi in porto. Norme già discusse e votate all’unanimità dal consiglio comunale.

Sollecitazioni alla regione. “La città attende però ancora una risposta da parte della Regione, nonostante le ripetute sollecitazioni al Presidente del Consiglio Regionale Leodori, anche per tramite del Consigliere Devid Porrello. Leodori – afferma Menditto – avrebbe da Regolamento dovuto portare in aula la proposta già alla seduta successiva a quella di presentazione, invece ha convocato da allora almeno una dozzina di sedute del Consiglio Regionale senza mai dare seguito alla richiesta dell’amministrazione civitavecchiese”.

Riduzione inquinamento. Sull’inquinamento in porto si è tenuta giovedì scorso un’apposita seduta della commissione ambiente, che ha visto la partecipazione del Comandante in seconda Giannino Dimartino in rappresentanza della Capitaneria. L’amministrazione ha ringraziato gli uomini della Guardia Costiera per le energie profuse quotidianamente nell’attività di prevenzione e repressione dei fenomeni inquinanti ed ha chiesto al Comandante Tarzia di studiare una strategia comunicativa che permetta di rendere pubblicamente fruibili almeno in parte i dati relativi a tale quotidiana attività. Si sono quindi discusse inoltre le strategie più efficaci da adottare nel breve periodo per arginare ogni eventuale fenomeno inquinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *