fbpx

Inquinamento, Manuedda: “Possibile presupposto per riconoscimento SIN”

L’assessore all’Ambiente Alessandro Manuedda, a seguito di segnalazione ricevuta dalla Capitaneria di Porto relativamente alla presenza di idrocarburi presso il Fosso di Buonaugurio ha richiesto all’Arpa Lazio di essere informato sugli esiti delle analisi sulle acque effettuate presso il deposito costiero della società ENI in via Angelo Molinari.

Manuedda. “Gli esiti dei campionamenti saranno valutati dalle autorità competenti e dall’Ufficio Ambiente nell’ambito delle procedure di bonifica in corso – fa sapere Manuedda – . Si ricorda in proposito che già precedentemente all’insediamento  di questa Amministrazione, i procedimenti aperti in materia di siti contaminati erano 11 e più di 20 i siti contaminati censiti dalla Regione Lazio”.

SIN. La bonifica di queste aree è un obiettivo del programma  e attraverso l’indispensabile lavoro degli uffici comunali è intenzione dell’assessorato riprendere e concludere le procedure in corso, attivare quelle ancora non in lavorazione e, fornendo un indirizzo politico che in precedenza è mancato, analizzare se l’insieme delle aree contaminate presenti sul territorio non siano presupposto per avanzare istanza di riconoscimento quale Sito d’Interesse Nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *