fbpx

La magia di TolfArte, un’edizione da record

Passeggiare tra le vie del suggestivo borgo tolfetano, affascinanti spettacoli di alto livello dietro ogni angolo, opere artigianali uniche e rare, l’aria di festa nei sorrisi e negli occhi della gente, la musica che crea suggestivi sottofondi. TolfArte è questo e tanto altro. Tre giorni per rimanere affascinati dall’arte pura, in tutte le sue forme. Tre giorni di cui sentiremo la mancanza.

tolfarte3

Presenze. TolfArte chiude con numeri da record. Cresco ogni anno di più le presenze, quest’anno si è sfondato il muro delle 50.000, al TolfArte – Fstival Internazionale dell’Arte di Strada e dell’Artigianato Artistico giunto alla sua undicesima edizione. Un must ormai per quel che riguarda l’estate tolfetana. Un Festival che diventa sempre più cosmopolita, sia a livello di spettatori che di artisti. E di artisti questa edizione ne ha visti tanti. Piu di 300 professionisti provenienti da 12 paesi diversi tra attori, cantanti, pittori, acrobati, giocolieri, artigiani e quanto più. Un programma che ha saputo spaziare, variegato e adatto a tutte le età e a tutti i gusti. Un festival che non stanca mai, capace di sorprendere edizione dopo edizione, capace di coinvolgere e mobilitare i media nazionali.

tolfarte2

Appuntamenti.anno già a partire dalla serata inaugurale, quella di venerdi, aperta dalla band rivelazione di Sanremo e del concerto del primo maggio, i KuTso. Un escalation continua che con sabato e poi con domenica, la serata conclusiva, ha raggiunto il suo apice. A chiudere il Festival è stato Dario Vergassola che ha saputo abilmente intrattenere per un ora il pubblico accorso per lo spettacolo. Con le sua esilarante parlantina, le sue argute battute e la sua ironica musica Vergassola è riuscito a calamitare un gran numero di spettatori sotto il palco posto a anno hanno preso parte alla manifestazione, regalando agli spettatori emozioni uniche. Dalle ore 19 fino a notte inoltrata il piccolo borgo circondato dai monti non si è mai spento. Piazza Vecchia nella serata di sabato è stata poi il cuore della festa con un pubblico che non ha desistito fino alle 4 della mattina, prima ammaliato dalla Danza sulla Parete Verticale, e successivamente scatenato fino a tarda notte grazie alla band Veeblfeetzer e al dj set Radio Libre. Non di meno le performance degli artisti che si sono esibiti nelle altre piazze, dal cerco aereo di Chiara Vitale, alla comicità teatrale dei Appiccicaticci, fino agli spettacoli per i bambini.

Organizzazione. L’assessore alla Cultura e al Turismo Cristiano Dionisi dedica un applauso speciale su facebook alla Comunità giovanile di Tolfa, un gruppo di ragazzi under 35 che ogni anno lavora sodo per regalare al grande pubblico tre giorni di arte di strada racchiusa in un festival che quest’anno ha ricevuto anche il patrocinio ufficiale di Expo Milano 2015. Da lode, ovviamente, anche il lavoro svolto dall’Amministrazione, dalla cittadinanza e da tutto lo staff che ha curato nei minimi dettagli i 1500 metri di percorso dedicati al Festival.

Claudia Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *